COOP ADRIATICA ADOTTA LE “TETTOIE” FOTOVOLTAICHE


BIOLOGNA 14 GENNAIO Entro qualche settimana, la sede di Coop Adriatica a Bologna si alimenterà anche grazie all’energia del sole. Si sono conclusi infatti oggi i lavori per l’installazione dell’impianto fotovoltaico sull’edificio che ospita i nove piani di uffici della Cooperativa di consumatori, a Villanova di Castenaso, nella prima periferia del capoluogo emiliano.Quello prescelto è un sistema unico in Italia, che, oltre a produrre energia dal sole, consente anche di tagliare i consumi: grazie a una disposizione “a tettoia” sulle finestre, infatti, i 324 pannelli sono in grado di ridurre le temperature interne, abbattendo il ricorso all’aria condizionata nello stabile nelle ore e nei mesi più caldi. Complessivamente, si stima un risparmio sull’acquisto di energia di 100 mila kilowattora all’anno – di cui 65 mila prodotti con il fotovoltaico, e 35 mila grazie ai tagli sull’impianto di condizionamento – pari a quasi il 9% del consumo medio della sede di Coop Adriatica.L’investimento per la struttura – progettata dalla Busi Impianti Spa di Bologna, che ne ha curato anche la messa in opera, per oltre tre mesi di lavori – è stato di 250 mila euro. I pannelli sono stati montati su due pareti verticali, quelle esposte a sud-est e a sud-ovest, formando, sulle finestre di ogni piano a partire dal primo, una tettoia fissa, studiata in modo da fare ombra sui vetri in misura proporzionale all’altezza del sole durante la giornata e nel corso dell’anno.Tra il 2006 e il 2010, Coop Adriatica ha investito nel fotovoltaico 25 milioni di euro, realizzando gli impianti in 40 punti vendita, 14 ipercoop e 25 supermercati, nelle quattro regioni in cui opera: Emilia-Romagna, Veneto, Marche e Abruzzo. In tutto, le 40 strutture per l’energia solare hanno una potenza di quasi 6.200 kilowatt e sono in grado di produrre 6,2 milioni di chilowattora, tagliando le emissioni di anidride carbonica di 3.150 tonnellate: un beneficio ambientale equivalente alla piantumazione di un bosco di 4.500 alberi.Entro il 2013 saranno dotati di fotovoltaico altri 8 punti vendita, con un ulteriore investimento di 4,5 milioni di euro e una produzione di oltre 1.000 megawattora. Complessivamente, dunque, entro i prossimi due anni saranno alimentati ad energia “pulita” 48 negozi, con un investimento pari a 30 milioni di euro e una produzione di 7.400 megawattora.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet