SIS BIOGAS : UNA GAMMA COMPLETA DI IBRIDI DI MAIS E SORGO PER TUTTE LE ESIGENZE DELLE IMPRESE AGRICOLE


bologna 13 febbraio L’impegno di SIS a favore del biogas si è concretizzato nella pubblicazione di un catalogo specifico (Biogas 2013, disponibile anche on line sul sito www.sisonweb.com) e nella messa a punto di proposte innovative per le prossime semine primaverili-estive. Nella coltura ad oggi di riferimento per la produzione di biogas che è il mais, gli ibridi di mais LICA 1156 S e LICA 29S17 rappresentano il nuovo concetto di pianta da trinciato: con 4 foglie in più sopra la spiga rispetto ad un ibrido tradizionale e di dimensioni maggiori; fibra più digeribile e con una maggiore velocità di degradazione; amido ad alta digeribilità e maggior velocità di degradazione. Tutto ciò determina la massima produzione di biogas per ettaro e per kg di sostanza secca di trinciato. Questi ibridi SIS devono essere il riferimento nel piano di semina di trinciato di mais per biogas in condizioni di alta fertilità e ambiente irriguo.Sempre per ambiente fertile irriguo SIS consiglia nella classe 600-700 anche i seguenti ibridi: SINTESIS che ha una pianta imponente, per la massima produzione di trinciato, con una ampia finestra di raccolta;KALIMERAS che si presenta come una pianta equilibrata con importante apparato fogliare e spiga di notevoli dimensioni che lo rendono idoneo per la migliore produzione di trinciato, pastone e granella;KUBRICK che è l’ibrido campione di produttività ed adattabilità anche per gli ambienti meno fertiliNegli ambienti di produzione di trinciato in asciutta e comunque con media/ bassa fertilità, SIS propone una serie di ibridi di mais a ciclo medio-precoce e precoce che sono la migliore proposta anche per le semine di seconda e terza epoca. Tre riferimenti nelle rispettive classi:KIMBOS 125 gg che è in grado di produrre ad alti livelli in tutti gli ambienti ed affiancabile anche alla classe 600;KAMIL 115 gg, insuperabile nella produzione di trinciato di secondo raccolto, si distingue per le dimensioni della spiga;KINEMAS 105 gg, anche per semine di luglio con risposta produttiva sempre ottima, sanità dello stocco e tolleranza agli attacchi tardivi di piralide.Per la produzione di biogas SIS si è dedicata e si dedica allo studio della coltura del sorgo da foraggio, indicato principalmente in condizioni ambientali difficili e più limitate. SIS ha individuato “tipi” di sorgo che rispondono contemporaneamente ai criteri fondamentali per la massima redditività del biogas e adattamento ambientale come: Ibrido BMR 333, monosfalcio con taglia di 3,50-4,20 m, notevole espansione dell’apparato fogliare, epoca migliore di trinciatura dopo 10-15 gg dall’emissione del panicolo. Sorgo zuccherino ROCE, caratterizzato da una elevata produzione di biomassa che può raggiungere le 45-55 t di culmi e contemporaneamente 4-4,5 t di granella che permettono di avere un insilato equilibrato nelle diverse componenti energetiche e quindi migliore produzione di biogas.Tutte queste proposte evidenziano come la gamma SIS possa soddisfare con proposte differenziate sia una programmazione di semina impostata sulle condizioni agronomiche e ambientali sia una programmazione con prodotti a semina o raccolta scalare per esigente organizzative o di cantiere di raccolta. SIS si conferma così partner affidabile e competente al fianco delle aziende agricole che operano nel settore del biogas con una gamma di prodotti completa dedicata.• SIS-Società Italiana Sementi SpaSIS è la prima società sementiera tutta italiana, leader nei cereali e nel riso. Ha sede a San Lazzaro di Savena, alle porte di Bologna ed è controllata dal sistema dei Consorzi agrari italiani. Negli anni ha concentrato risorse umane e finanziarie nella ricerca, per mettere a disposizione dei produttori i migliori prodotti. A questa attività si è affiancata una intensa attività di sperimentazione su materiali provenienti dai più importanti costitutori italiani ed esteri, pubblici e privati. Grazie a questo impegno SIS ha rinnovato ed ampliato il proprio catalogo, che oggi è il più completo esistente sul mercato, con l’introduzione di ibridi e varietà di eccellente livello qualitativo e produttivo, che primeggiano nelle prove ufficiali. L’attività di “breeding” è focalizzata prioritariamente sui frumenti duri e teneri e sul riso e ha le proprie basi operative nelle due Aziende sperimentali di SIS, l’Azienda Idice (42 ha ) e l’Azienda Cantaglia (95 ha ), in cui si concentrano le prime fasi di incrocio e selezione. E’ inoltre attiva una rete sperimentale autonoma che gestisce otto località di prove parcellari di cereali autunno-vernini e quattro di riso, dislocate da nord a sud in otto diverse regioni italiane, in areali estremamente rappresentativi. Il lavoro di miglioramento genetico è supportato dalle tecniche più innovative, quali i marcatori molecolari e i doppi aploidi, e beneficia della possibilità di usufruire, per le specie il cui ciclo lo permette, di una seconda generazione annuale in Sud America, che consente di abbreviare notevolmente il tempo di ottenimento di una nuova varietà.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet