BO 12 /1/2011 BOLOGNA ˆ IMPRESE IN ROSA TECNOLOGICHE MA NON TROPPO


BOLOGNA 12 GENNAIO Un bando per rendere l’ICT a misura d’azienda femminile. L’opportunità arriva dal concorso dell’iniziativa Opta, che offre alle imprese a prevalenza femminile, pacchetti di consulenza strategica del valore di 10mila euro (più di 100 ore) per progettare innovazioni aziendali con l’ausilio delle tecnologie informatiche, al fine di aumentare la competitività e forza sui mercati. Ogni partecipante potrà presentare entro il 31 gennaio – rigorosamente on line – fino a un massimo di tre idee. Un aiuto di cui c’è indubbiamente bisogno, a giudicare dai risultati dell’indagine realizzata dalla Provincia di Bologna per conto di Aster.La ricerca analizza, infatti, la diffusione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) tra le imprese femminili dell’Emilia-Romagna. “La fotografia che ne esce – spiega il direttore generale di Aster Paolo Bonaretti – presenta luci e ombre. C’è, infatti, una buona diffusione di base e una buona consapevolezza dell’importanza degli investimenti in questo ambito per accrescere la competitività dell’azienda. A tutto ciò spesso, però, non seguono i fatti”. Per questo Opta – un’iniziativa della Regione in collaborazione con ASTER, Unioncamere, Camere di Commercio e Comitati per l’imprenditoria femminile – vuole provare ad ottenere un salto di qualità.Ma vediamo che cosa racconta – cifre alla mano – l’indagine. A Bologna quattro aziende in rosa su cinque (per la precisione il 87,5%) considerano l’ICT un fattore strategico per il proprio futuro. Una convinzione teorica importante, una buona base di partenza. Non è la sola: il 99% è collegato a Internet. Il 98,1% usa la posta elettronica. Nel 66,3% delle imprese tutti i dipendenti usano il computer, a cui si deve aggiungere un ulteriore 16,3% nelle quali il pc è su oltre la metà delle postazioni di lavoro. Nella metà dei casi (55,8%) i computer sono anche connessi tra loro, attraverso una rete interna, per facilitare il lavoro comune.La base, insomma, c’è. Il problema è ora fare un salto di qualità e qui qualche problema si rivela. Più di un’azienda su due (60,6%) ha un sito, ma nel 98,4% dei casi è solo una vetrina: nessuna funzione avanzata. E solo il 6,7% usa internet per vendere i propri prodotti. La posta elettronica certificata c’è solo in un’azienda su tre, così come la firma digitale (29,8%).Ovvio che – usata con il freno a mano tirato – l’ICT non dia tutti i risultati che sarebbe lecito attendersi. Così se in sei casi su sette ha migliorato sia le relazioni con clienti e fornitori sia la condivisione interna delle informazioni, solo in poco più di quattro casi su dieci ha ridotto i costi o aumentato la competitività. Così il 42,3% delle aziende considera l’ICT un investimento vero e proprio, mentre per un terzo sono una spesa senza ritorno o dal ritorno dubbio. Solo in un’azienda su cinque (18,3%) c’è una persona che si occupa a tempo pieno di ICT. In oltre la metà (61,5%) addirittura non c’è nessuno. Corsi di formazione sul tema? Negli ultimi dodici mesi solo un’azienda su sei ne ha realizzati (15,4%).Il concorso Opta si propone di smuovere un poco le acque. Il bando è aperto a tutte le imprese femminili con meno di 250 dipendenti e/o 50 milioni di fatturato. Per partecipare non occorre presentare un progetto articolato: basta spiegare una o più idee innovative (fino a tre), in grado di migliorare la propria attività o i propri prodotti o il modo con cui questi vengono proposti ai potenziali clienti. La domanda va compilata on line, sulla modulistica che si può trovare sul sito di Opta (http://opta.aster.it/). C’è tempo fino al 31 gennaio. Un’apposita commissione valuterà le idee progettuali arrivate in base a sei criteri illustrati nel bando di concorso scaricabile sempre dal sito. I vincitori saranno proclamati nel corso di un evento pubblico previsto per il prossimo 8 marzo. Le prime tre imprese classificate riceveranno così il sostegno per passare dall’idea a un progetto concreto entro la fine del giugno 2011.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet