ELETTRONICA SANTERNO: SEMESTRE PESANTE DOPO IL BOOM 2011


BOLOGNA 10 AGOSTO Percorso a due velocità per il Gruppo Carraro durante i primi sei mesi dell’anno, che chiude il semestre con incremento di fatturato del 5% rispetto allo stesso periodo del 2011. A fronte delle ottime performance del core business, che nel suo insieme cresce del 17%, con un positivo ritorno anche dell’EBIDTA Margin (+31% rispetto al 2011), la B.U.Electronics (che corrisponde ad Elettronica Santerno) registra una pesante contrazione del giro d’affari derivata dal drastico calo della domanda nel mercato fotovoltaico in Italia, con conseguenti riflessi negativi nel consolidato di Gruppo.L’attuazione di incisive azioni mirate all’adeguamento alle nuove dinamiche del mercato portano la società Elettronica Santerno a tornare in utile già nel mese di giugno.“I primi sei mesi dell’anno confermano il trend di crescita delle nostre attività legate all’agricoltura e construction equipment (Drivetech, GearWord e Agritalia), che continuano ad espandere le proprie vendite all’estero. – commenta Enrico Carraro, Presidente del Gruppo – Ancora una fase diforte discontinuità rispetto agli entusiasmi del 2011 invece per Elettronica Santerno, sempre in conseguenza delle ben note questioni normative che hanno fermato il mercato fotovoltaico italiano. Stanno però dando i loro frutti le azioni di adeguamento della struttura alla dimensione della domanda, con la conseguenza che l’azienda è tornata in utile già nel mese di giugno.Contestualmente, a testimonianza di un nuovo impulso commerciale sempre più rivolto all’estero, recentemente Santerno ha ottenuto due importanti commesse rispettivamente negli Stati Uniti (155 Megawatt) e in Sud Africa (80 Megawatt)”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet