UNICREDIT, A BOLOGNA CON LA BANCA DIGITALE SI SALTA LA FILA


BOLOGNA 10 GIUGNO Per favorire un sempre migliore utilizzo dei canali alternativi allo sportello, UniCredit lancia a giugno il mese della digitalizzazione: in 50 città italiane saranno erogati 100 corsi per illustrare a clienti e non clienti le diverse modalità con cui è possibile entrare in contatto con la Banca, con un’attenzione speciale ad internet e al mobile. A Bologna i corsi si terranno il 10 e il 24 giugno in via Ugo Bassi, 1 alle 17. Maggiori informazioni e il modulo per le iscrizioni ai corsi si trovano on-line sul sito www.unicredit.it/informati.Nell’area bolognese, sono oltre 132mila i clienti aderenti ai servizi di banca diretta multicanale. Nel primo trimestre 2013, inoltre, UniCredit ha erogato tramite canali alternativi oltre 3milioni e 450mila euro di prestiti ai privati. In tutta la provincia sono presenti 259 ATM (postazioni Bancomat), di cui 122 evoluti, ovvero in grado di svolgere anche le funzioni di versamento contanti e assegni. Inoltre nell’area sono attivi presso le filiali UniCredit 142 chioschi PC e multifunzione, ossia postazioni dalle quali è possibile accedere ai servizi di homebanking. La provincia di Bologna sembra essere particolarmente ricettiva ai servizi bancari innovativi: UniCredit ha registrato nel primo trimestre 2013 tassi di accesso ai canali alternativi rispetto allo sportello tradizionale decisamente elevati: attraverso ATM, chioschi e internet banking, infatti, sono stati effettuati oltre l’88% dei prelievi, circa il 58% dei versamenti di assegni e contanti sul conto corrente e più del 72% dei pagamenti. Se a ciò si aggiungono i dati dello stesso periodo relativi alle operazioni di pagamento delle imposte (89%) e delle disposizioni di bonifico (87%) effettuate tramite canali evoluti si può avere un quadro completo della tendenza in atto. Durante i corsi del “mese della digitalizzazione” saranno presentate al pubblico anche le ultime novità introdotte dall’Istituto nell’ambito dei servizi innovativi: la banca in uno smartphone o in un tablet grazie a un accordo con Samsung; una nuova app che trasformerà il proprio smartphone in un “portafoglio virtuale” in grado di effettuare direttamente i pagamenti; infine un servizio di firma dei contratti e delle disposizioni contabili basato sull’autenticazione grafometrica. Il tutto all’insegna della velocità e della semplicità nell’utilizzo e nel massimo della sicurezza.Subito banca – Mirata alla digitalizzazione bancaria, consente – in un’unica soluzione – l’apertura di un conto corrente, l’accensione di un finanziamento a tasso 0 per l’acquisto di un tablet o di uno smartphone e l’attivazione di un set di applicazioni ottimizzate per velocità e semplicità di utilizzo. La piattaforma “Subito Banca”, frutto di una partnership fra UniCredit e Samsung, consente ai clienti della banca di acquistare a condizioni agevolate un nuovissimo Samsung Galaxy S4 o un Samsung Galaxy Note 8.0 3G con precaricata l’ultima interfaccia semplificata di banca via Internet. Mobile Payment e sicurezza – Nelle prossime settimane UniCredit renderà disponibili nuove funzionalità per i pagamenti, attraverso la nuova app di Mobile Payment. I clienti potranno trasformare il proprio smartphone in un “portafoglio virtuale” e utilizzarlo per pagare (tramite QR code, NFC, mobile token) in tutti i contesti, tradizionali e online, avendo sempre l’opportunità di verificare le spese sostenute, di controllare la disponibilità residua sul conto. In tema di sicurezza dei pagamenti, sono già 3 milioni i clienti in Italia che utilizzano, per i loro acquisti online con carte di credito e prepagate, il nuovo servizio Dynamic 3D Secure, che consente di effettuare transazioni con le carte dei circuiti Mastercard e Visa utilizzando lo stesso codice “usa e getta” della durata di un minuto valido per le transazioni effettuate online sul conto corrente.FirmaMia – Da metà aprile è partita l’iniziativa “FirmaMia”, primo servizio di firma basato su autenticazione grafometrica tramite Signpad, riconosciuta ogni qualvolta il cliente firmerà un contratto o una disposizione contabile. UniCredit è stata la prima banca autorizzata al trattamento dei dati biometrici ai fini di autenticazione con provvedimento dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali del 31 gennaio 2013. Nel corso delle prossime settimane l’iniziativa sarà disponibile in 64 filiali nelle principali città italiane, per poi estendersi progressivamente sul territorio nazionale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet