ecco i 3 nuovi cavalieri del lavoro dell’emilia romagna


bologna 2 giugno Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha firmato i decreti con i quali, su proposta del ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, di concerto con il ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Francesco Saverio Romano, sono stati nominati 25 Cavalieri del Lavoro. Sono l’eccellenza dell’imprenditoria italiana da Nord a Sud, un’ulteriore e importante testimonianza di un Paese che lavora e si impegna per la crescita e il rilancio dell’economia. Ecco l’elenco degli insigniti in Emilia Romagna: Giovannina Domenichini – 1934 – Reggio Emilia – MeccanicaÈ amministratore unico della Landi Renzo S.p.A., azienda leader mondiale nella produzione di componenti e di sistemi di alimentazione alternativi a Gpl e metano per autotrazione. Guida l’azienda dal 1978, dopo la scomparsa del marito. Sotto la sua direzione, è stata sviluppata e consolidata la presenza del marchio sui mercati esteri con acquisizioni in Olanda, Cina, Romania, Venezuela e Stati Uniti. Oggi l’azienda sviluppa ricerche sull’utilizzo dell’idrogeno come combustibile per autoveicoli. I dipendenti sono 865.Gaetano Maccaferri – 1951 – Bologna – Meccanica e varieÈ presidente di Seci S.p.A., holding del Gruppo Industriale Maccaferri, presente in modo significativo con società operative in diversi settori: meccanica, ingegneria ambientale, costruzioni e real estate, energie rinnovabili, alimentare e agroindustria, lavorazione del tabacco, biotecnologie. Il Gruppo Industriale Maccaferri nasce nel 1879 da un officina di fabbro. Oggi i dipendenti sono oltre 4.400, distribuiti in 55 stabilimenti produttivi, di cui 18 in Italia e 37 nel mondo tra Europa, Nord Centro e Sud America, Africa, Asia. Massimo Ponzellini – 1950 – Bologna – EdiliziaDal maggio 2007 è presidente di ImpregiloSpA, la più grande impresa generale di costruzioni in Italia, e tra le principali a livello internazionale, nel settore delle opere civili e dei sistemi per l’ambiente. Il Gruppo, con 450 dipendenti, realizza oltre il 50% del fatturato all’estero. E’ attualmente impegnato in importanti opere infrastrutturali tra cui, l’ampliamento del Canale di Panama e la galleria ferroviaria del San Gottardo. Dal 2009 è anche presidente della Banca Popolare di Milano. E’ stato vice presidente e amministratore delegato della Banca Europea degli Investimenti nel 1994-2003, vice presidente e amministratore delegato di Patrimonio dello Stato S.p.A. nel 2002-2006 e amministratore delegato dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato dal 2006 al 2007.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet