Ducati, lascia Filippo Preziosi


bologna 1 marzo Filippo Preziosi, il geniale ingegnere progettista dalla cui mente è uscita la Ducati Desmosedici lascia l’azienda di Borgo Panigale dopo 19 anni, per motivi di salute. A renderlo noto è la stessa azienda, recentemente acquisita dal gruppo Audi, con un breve comunicato in cui spiega che la motivazione dell’addio è «da collegare a motivi di salute legati alla sua particolare condizione fisica. Nel rispetto della volontà dell’ingegner Preziosi, pur con il rammarico di perdere una figura strategica e di grande competenza, Ducati ha preso atto della decisione e ha accettato le dimissioni».Filippo Preziosi, 44 anni perugino, rimase vittima di un grave incidente in moto durante un viaggio, nel 2000, e da allora è stato costretto su una sedia a rotelle. La difficile condizione fisica non gli ha comunque impedito di continuare il suo lavoro in Ducati, in cui era entrato nel 1994 dopo la laurea in ingegneria meccanica, arrivando a riportare la Rossa di Borgo Panigale a conquistare un Motomondiale nel 2007, 33 anni dopo l’ultimo titolo. Direttore generale della squadra corse, dallo scorso novembre era stato nominato Direttore Ricerca & Sviluppo di Ducati Motor Holding. Avrebbe dovuto rientrare a breve in azienda, dopo alcuni mesi di riposo, ma oggi sono arrivate le dimissioni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet