CONFCOOPERATIVE: ALLEANZA STORICA TRA AGROALIMENTARE E DISTRIBUZIONE


BOLOGNA 1 MARZO E’ un’alleanza senza precedenti quella che da oggi unisce le imprese agroalimentari e quelle della distribuzione aderenti a Confcooperative, unite nel progetto “I frutti della cooperazione”. Messa a punto da Fedagri/Confcooperative Emilia-Romagna e Sigma, l’intesa mira ad accorciare la filiera produzione-mercato per offrire ai consumatori un’ampia gamma di prodotti agroalimentari di qualità a un giusto prezzo e rafforzare il legame tra il sistema produttivo e quello distributivo, attraverso la definizione di strategie commerciali condivise, per garantire una più equa ripartizione del valore aggiunto. Un progetto, tra l’altro, che assegna un primato alla nostra provincia: al di là del coinvolgimento di imprese cooperative dell’agroalimentare, è infatti la cooperativa Realco-Sigma di Reggio Emilia la realtà distributiva chiamata ad aprire la via di questa nuova alleanza intercooperativa, che dal 3 al 12 marzo coinvolgerà oltre 60 punti supermercati Realco presenti nella nostra provincia e nelle città di Modena, Bologna, Piacenza, Parma e Ravenna. All’interno di questi punti vendita sarà in promozione un paniere decisamente ricco di prodotti d’eccellenza della cooperazione agroalimentare di Confcooperative, composto da una selezione dei vini più tipici ed apprezzati a cui si affiancano salumi, carni, ortofrutta fresca e trasformata e prodotti lattiero caseari. I prodotti oggetto della promozione saranno evidenziati con appositi poster e locandine, mentre ai consumatori verrà distribuito materiale illustrativo ed informativo sugli obiettivi del progetto e sui plus dei “Frutti della Cooperazione”. “E’ l’avvio di una collaborazione che di fatto non ha precedenti e che è destinata ad ampliarsi con il coinvolgimento di un crescente numero di imprese agroalimentari”, sottolinea il presidente delle coop agricole e agroalimentari di Confcooperative provinciale, Matteo Caramaschi; “l’obiettivo è quello di valorizzare il lavoro delle cooperative agroalimentari e dei loro soci, offrendo al contempo ai consumatori migliori opportunità di acquisto di prodotti che da sempre sono sinonimo di qualità, tradizione e tipicità”. “Siamo di fronte ad un paniere – sottolinea il presidente regionale di Fedagri, Giovanni Bettini – caratterizzato da prodotti provenienti da un tessuto di imprese profondamente radicate sul territorio, che propongono vere e proprie eccellenze dell’enogastronomia che si distinguono per naturalità, freschezza, genuinità e sono garantite da rigorose certificazioni”. Ma c’è di più. “La vicinanza delle aree di coltivazione ai mercati di destinazione – sostengono il Consigliere delegato del gruppo distributivo Sigma, Aldo Puccini, e il direttore commerciale di Realco, Alcide Vellani – consente di ridurre significativamente i costi di trasporto, distribuzione e conservazione e, quindi, di contenere le emissioni di anidride carbonica e il dispendio di energia, contribuendo così anche alla salvaguardia dell’ambiente. Il progetto coinvolge oggi alcune delle più importanti cooperative agricole dell’Emilia- Romagna, “ma è evidente – sottolinea il presidente di Fedagri/Confcooperative di Reggio Emilia, Matteo Caramaschi – che l’obiettivo è quello di estendere questa partecipazione e di rafforzare la relazione tra produttori e consumatori, potendo contare sulla partnership di una catena cooperativa (di cui Realco è un punto di forza con un volume di vendite che supera i 518 milioni e 343 punti di vendita, 270 dei quali nella nostra regione) che da quasi cinquant’anni è presente sul territorio nazionale ed è stata protagonista, con altre tre grandi catene distributive, della creazione di una comune centrale d’acquisti che rappresenta circa il 20% del mercato”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet