Biotestamento, a Modena si parte con il registro


©Trc-Telemodena MODENA, 8 GIU. 2010 – Lunedì 14 giugno, una data storica per chi da anni si batte per avere la possibilità di decidere i trattamenti sanitari cui essere sottoposto, anche nel momento in cui, avvicinandosi la fine della vita, non sia più in grado di farsi valere. Da lunedì prossimo, infatti, sarà operativo il registro per la raccolta delle dichiarazioni anticipate di volontà relative ai trattamenti di natura medica del Comune di Modena.Ogni modenese potrà così presentare l’istanza di iscrizione all’ufficio di Stato civile, in via Santi 40, nella sede centrale dell’anagrafe. L’interessato nominerà uno o più fiduciari, che dovranno controfirmare l’accettazione davanti ad un funzionario comunale, e avranno il compito di far rispettare, al verificarsi delle condizioni, la volontà del dichiarante. Assieme all’istanza dovrà essere consegnata la dichiarazione in busta chiusa. Le buste verranno consegnate, al verificarsi delle condizioni, ai fiduciari nominati dall’interessato, dietro loro esplicita richiesta. L’ufficio comunale potrà rilasciare attestazioni di iscrizione nel registro a tutti coloro che sono stati autorizzati dal dichiarante all’atto della presentazione, ad esempio il medico curante, i parenti e i conviventi."A livello nazionale c’è un grande vuoto normativo riguardo al fine vita – ci spiega Simona Arletti, assessore comunale alle Politiche per la salute – e la proposta di legge che è stata avanzata dalla maggioranza è molto ingerente." Secondo Arletti quella offerta dal Comune di Modena è "una garanzia ai cittadini, vogliamo essere dalla parte di coloro che vogliono decidere come debbano essere i loro ultimi giorni nel caso dell’insorgere di una malattia invalidante che non potrebbe far esprimere alcuna volontà."La dichiarazione anticipata di volontà potrà, comunque, essere in ogni momento revocata o modificata da parte dell’interessato. In più, il Comune invierà un’informativa periodica biennale agli iscritti nel registro, anche ai fini di un’eventuale cancellazione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet