Biomedicale in rete, un centro di competenze a Mirandola


MODENA, 6 DIC. 2011 – E’ merito soprattutto delle imprese biomedicali se l’Area Nord della Provincia di Modena è riuscita a passare pressoché indenne attraverso la crisi, perdendo nel 2009 solo il 3% a fronte di una media del 14. Novantotto realtà nel solo distretto di Mirandola, che possono vantare un miliardo di fatturato e quasi 5mila addetti e che rivelano una forte propensione all’innovazione e allo sviluppo. E’ per valorizzare il loro lavoro di ricerca che nascerà quindi il Centro di Competenze per il Biomedicale, un vero e proprio incubatore di nuove idee e start up con cui rafforzare la rete tra le imprese e la sanità regionale.Il Centro avrà sede a Mirandola e si baserà su un modello a rete che metterà a disposizione delle aziende risorse già presenti sul territorio, come il Tecnopolo e l’Università. L’obiettivo – rivela Democenter-Sipe che ha curato il progetto di fattibilità – è superare le difficoltà a costruire paternariati capitalizzando i progetti delle imprese e agevolando la commercializzazione dei loro prodotti.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet