Biolchim acquisisce Matécsa


La società bolognese Biolchim, produttrice di fertilizzanti controllata da Wise Sgr, ha acquisito il 70% dell’ungherese Matécsa, azienda produttrice di terriccio e substrato, rafforzando la propria posizione sul mercato del Paese dell’Est. La società – si legge in una nota – gestisce una torbiera in Ungheria dalla quale estrae la fonte principale per i propri prodotti, conta su 35 addetti, ha un fatturato di circa 4 milioni di euro e un margine operativo lordo di 1,4 milioni. La fabbrica dell’azienda si trova a Kecel, a circa 125 km a sud di Budapest, e vende i propri prodotti attraverso una vasta rete di distribuzione in Ungheria ed esporta nei paesi vicini come Slovacchia, Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Romania e Bulgaria. Grazie a questa operazione, il gruppo Biolchim-Cifo rafforzerà la struttura logistica e le attività di marketing e sfrutterà le sinergie produttive con la propria filiale ungherese che già dal 2009 distribuisce i prodotti del Gruppo Biolchim nel segmento professionale agricolo. Il Gruppo Biolchim-Cifo, controllato dalla società di private equity Wise Sgr e guidato da Leonardo Valenti, ha un fatturato di circa 85 milioni di euro e opera in più di 70 Paesi, sia attraverso partnership commerciali sia tramite le proprie filiali di vendita e distribuzione, e uffici locali. L’operazione, conclude la nota, rappresenta un ulteriore passo nel progetto di crescita di Biolchim attraverso acquisizioni e joint venture avviato nel 2008 e che, negli ultimi tre anni, ha visto l’acquisizione del 100% di Cifo nel 2014, di quote in West Coast Marine Bio Processing nel 2015 e ora del 70% di Matécsa.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet