Bilancio Sostenibilita Hera: 147 milioni di euro nel modenese


E’ on line da oggi il Bilancio di Sostenibilità Hera relativo al 2013. Il documento, che per la prima volta comprende il contributo di AcegasAps, descrive attraverso i numeri l’impegno sostenuto dalla multiutility a favore della sostenibilità ambientale, sociale ed economica, nonostante la fase macroeconomica estremamente complessa in cui si trova a operare. Tra i dati più significativi quello relativo alla ricchezza distribuita al territorio, che è salito a 1.996 milioni di euro, contro i 1.698 milioni dello scorso anno.

 

Nei comuni serviti del territorio modenese, la ricaduta economica delle attività svolte da Hera ha superato i 147 milioni di euro. Sempre nell’area di Modena, si confermano in tenuta tutti gli indici relativi alla qualità dei servizi erogati, che hanno consentito all’indice di soddisfazione della clientela residenziale di salire a 74 punti su 100.

 

Il Gruppo Hera è tutto nei numeri del Bilancio di Sostenibilità 2013, pubblicato all’indirizzo http://bs.gruppohera.it/. “Il quadro che emerge – commenta una nota di Hera – è quello di una multiutility che sta attraversando una fase macroeconomica estremamente complessa, tenendo però la barra diritta sull’impegno a favore della sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Così si scopre, ad esempio, che nel 2013 la ricchezza distribuita al territorio è salita a 1.996 milioni, contro i 1.698 milioni dello scorso anno (+17,6%). Questo valore somma il valore aggiunto distribuitoai principali interlocutori locali di Hera (lavoratori, azionisti, pubblica amministrazione, azienda), pari a 1.057 milioni, al valore economico delle forniture da realtà del territorio, pari a 939 milioni (equivalenti a livello consolidato al 63,2% delle forniture del Gruppo)”.

 

Nei comuni serviti dell’area territoriale di Modena, la ricaduta economica delle attività di Hera è stata pari a 147,3 milioni di euro. Di questi, oltre 62 milioni sono andati ai lavoratori sotto forma di stipendi, 16 milioni sono stati distribuiti, a titolo di utili, ai soci pubblici e privati residenti nel territorio, 12,3sono stati versati agli Enti del territorio come imposte, tasse e canoni e quasi 57 milioni di euro sono andati alle aziende fornitrici di Hera operanti nella zona modenese.

 

Per quanto riguarda la ricaduta occupazionale, fra lavoratori diretti del Gruppo (8.294) e indiretti (5.278 dipendenti dei fornitori del Gruppo) l’occupazione totale ammonta a 13.572 unità, delle quali oltre 1.600 nell’area modenese. In quest’ambito acquistano particolare rilievo due evidenze. Innanzitutto i 135 nuovi lavoratori assunti a tempo indeterminato (sono stati 94 nel 2012). Inoltre il dato relativo alle forniture da cooperative sociali, che hanno avuto un valore di oltre 35 milioni di euro (+7,1% sul 2012) e hanno consentito l’inserimento lavorativo di 581 persone svantaggiate (576 nel 2012). Nel territorio di Modena questi appalti sono stati equivalenti a oltre 6,2 milioni di euro, in crescita rispetto al 2012, con circa 170 persone svantaggiate occupate.

 

Sul fronte della tutela dell’ambiente è proseguito l’impegno nella produzione energetica “green”, che contempla anche l’energia ricavata dal recupero a fini energetici della parte biodegradabile dei rifiuti. Nel 2013 il 71,7% della produzione energetica elettrica e termica del Gruppo Hera è avvenuto da fonte rinnovabile (ad es. biogas da digestori o depuratori, fotovoltaico, ecc.) o assimilata alle rinnovabili (ad es. cogenerazione).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet