Bilancio record per la Panini


Le figurine vanno ancora di moda e in particolare i mondiali di calcio fanno bene alla Panini, il fatturato e l’utile 2014, anno dei campionati del mondo in Brasile, schizza a livelli record e ora tra gli azionisti c’è chi pensa ai fondi di Private equity. L’azienda di Modena, tramite la Id4 Investimenti fa riferimento da una parte alla Fineldo (finanziaria della famiglia Merloni) e dall’altra all’amministratore delegato Aldo Hugo Sallustro. Il fatturato consolidato è lievitato a oltre 758 milioni (da 547,7 milioni del 2013) con un utile netto salito a 125 milioni dai 6,4 milioni del 2013. Il tutto con un debito verso le banche sceso a 41 milioni dai precedenti 148 milioni. Una differenza enorme tra i due anni, che l’azienda spiega con i successi nelle vendite realizzati grazie ai Campionati Mondiali di Calcio”. Grazie ai numeri da boom del bilancio 2014, Panini spa potrebbe rispolverare il progetto di aprire il capitale ai fondi di private equity. In passato il nodo era il prezzo: i venditori valutavano il gruppo attorno a un miliardo di euro, sulla base di un fatturato 2012 di oltre 600 milioni e di un ebitda di 100 milioni. Ma ora le cifre sono diverse.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet