Bene l’export regionalenel terzo trimestre 2012


11 DIC. 2012 – In molti lo hanno considerato il segnale di un’uscita dalla crisi ancora lontanissima. Ma il tanto sbandierato calo delle esportazioni – fiore all’occhiello del sistema produttivo nazionale – sembra essere rientrato nel terzo trimestre 2012, almeno secondo l’Istat. L’andamento è positivo per tutte le ripartizioni territoriali, e Emilia-Romagna è tra le regioni che contribuiscono di più con un +3,6%. Tra le regioni, fanno meglio solo Sicilia, reduce da un exploit del +16,8%, Toscana (+8,6%) e Lombardia (+3,7%). La dinamica tendenziale dell’export, secondo l’Istituto di statistica, è comunque in progressiva decelerazione nel corso dell’anno, ma positiva in particolare per il Centro, che spicca con una crescita del 6,2%.  La zona che è cresciuta meno è il Nordest (+1,1%), mentre il Nordovest segna un aumento del 3,2% e l’Italia meridionale e insulare del 3,1%.  Marcate flessioni si registrano per Basilicata (-24,5%), Valle d’Aosta (-10,6%), Friuli-Venezia Giulia (-9,6%) e Molise (-9,0%). Emilia Romagna protagonista anche tra le province, con Piacenza che tiene alta la bandiera regionale facendo registrare i maggiori incrementi delle vendite all’estero assieme a Arezzo, Siracusa, Cagliari e Taranto.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet