Bene gli agriturismi durante le feste


Tra Natale, Capodanno e l’Epifania le festività hanno portato ad un aumento delle presenze negli agriturismi dell’Emilia-Romagna del 2,3 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La stima è di Terranostra regionale, l’associazione agrituristica di Coldiretti, che ha rilevato un incremento di presenze sia a livello di ristorazione sia di alloggio, con diversi agriturismi che nei giorni successivi al Natale e a cavallo di Capodanno e la festa della Befana hanno fatto registrare il tutto esaurito. “La riduzione del budget di spesa a causa della crisi – rileva Terranostra Emilia-Romagna – ha spinto verso vacanze più brevi e più vicine a casa. A fare scegliere l’agriturismo nella maggioranza dei casi è stata la ricerca di riposo e tranquillità a contatto con la natura, il buon rapporto qualità/prezzo e anche il desiderio di ritrovare fuori casa i piatti della tradizione enogastronomica”. Particolarmente soddisfacente secondo Terranostra è l’aumento della richiesta di alloggio, che premia la scelta fatta dagli operatori agrituristici dell’Emilia-Romagna di incrementare la disponibilità dei posti letto, cresciuti in un anno del 6 per cento, per un totale di 8.700 posti letto. Grazie al clima mite del periodo festivo, molti hanno approfittato anche di altri servizi degli agriturismo, dall’equiturismo alla mountain bike, al trekking, mentre i più sedentari hanno preferito seguire i corsi di cucina per imparare a fare la sfoglia, le salse, i dolci e in generale preparare i piatti dell’enogastronomia regionale. In Emilia-Romagna – ricorda Terranostra – sono attivi 1.106 agriturismi, 186 dei quali si trovano in montagna, 539 in collina e 381 in pianura.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet