Bellco riparte operativa al cento per cento


© TrcMIRANDOLA (MO), 12 SET. 2012 – Prima un team al lavoro giorno e notte, sette giorni su sette, per ripristinare le srutture distrutte dal terremoto, ora il personale operativo sei giorni la settimana su tre turni per recuperare la produzione. Tre mesi dopo il terremoto la Bellco di Mirandola è tornata operativa al 100% con tutti i suoi 361 dipendenti. "Dopo il sisma – ha detto il presidente Antonio Leone – la principale difficoltà è stata mantenere alto il morale dei nostri collaboratori. Da subito abbiamo garantito che saremmo ripartiti da qui e tutti hanno dato la massima disponibilità, comprese le autorità locali". In attesa dei contributi o degli sgravi per il sisma, il presidente sottolinea il tema dei crediti vantati nei confronti delle aziende sanitarie. Oggi i reparti di ricerca e una parte della produzione sono ancora in tensostrutture provvisorie, in attesa della completa ricostruzione che sarà antisismica al 100%. Dopo il terremoto, Bellco fece ricorso alla cassa integrazione straordinaria solo per poche settimane per 80 dipendenti. "Proprio in quei giorni" – ricorda ancora Leone- "presentavamo al congresso internazionale di nefrologia tre nuove apparecchiature per terapie di dialisi personalizzate".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet