bBO 3/2/2011 EIMA Gulf: aprile ad Abu Dhabi


BOLOGNA 3 FEBBRAIO Si avvicina l’appuntamento con la seconda edizione della rassegna internazionale delle macchine e attrezzature per l’agricoltura e la cura del verde, organizzata da Unacoma Service in collaborazione con “Fiere nel Golfo” e con l’ente fieristico di Abu Dhabi ADNEC. Gli Emirati Arabi rappresentano un mercato in crescita ma soprattutto il baricentro degli scambi economici per i Paesi dell’Africa, del Medio Oriente, della Penisola Arabica e del Subcontinente Indiano.Si svolge dal 18 al 20 aprile prossimo la seconda edizione di EIMA Gulf, la rassegna biennale di macchine e tecnologie per l’agricoltura e la cura del verde organizzata da Unacoma Service presso il quartiere fieristico di Abu Dhabi, in partnership con la società Fiere nel Golfo e in collaborazione con l’ente fieristico locale ADNEC.Allestita nella splendida struttura espositiva dell’Emirato, la rassegna mostra numeri di tutto rispetto, con una superficie impegnata di circa 5.000 metri quadrati, un numero previsto di oltre 100 espositori e 4.000 visitatori, una gamma merceologica che va dalle trattrici alle macchine per la lavorazione del terreno, dai mezzi per la bonifica e forestazione ai sistemi per l’irrigazione, dalle macchine per la raccolta e prima lavorazione dei prodotti alla componentistica, dai sistemi per gli allevamenti alle macchine per il giardinaggio e la cura del verde.La rassegna di Abu Dhabi rappresenta un avamposto strategico per le industrie della meccanizzazione, poiché, al di là della domanda di macchinario proveniente dagli Emirati stessi (in netta crescita per quanto riguarda l’agricoltura e la bonifica dei terreni aridi), costituisce il punto di riferimento per gli operatori economici di vaste regioni dall’Area Mediterranea al Medio Oriente, fino alla Penisola Arabica, all’Africa e al Subcontinente Indiano. Già l’edizione 2009 aveva registrato la partecipazione di operatori da 30 Paesi fra i quali l’Arabia Saudita, l’Iran, l’Iraq, il Marocco, la Turchia, Israele e il Pakistan, e per quest’anno si prevede un risultato ancora migliore.“La rassegna ha una connotazione internazionale e già nella prima edizione abbiamo avuto aziende espositrici provenienti da undici Paesi – spiega Guglielmo Gandino, Amministratore delegato di Unacoma Sevice – ma la partecipazione di aziende italiane è preponderante per la qualità e la natura delle tecnologie prodotte nel nostro Paese”. “Le industrie italiane – spiega Gandino – sono all’avanguardia nella realizzazione, ad esempio, di sistemi e macchinari per l’irrigazione, la lavorazione del terreno, la coltivazione, il trasporto e la prima lavorazione di prodotti ortofrutticoli, tecnologie queste delle quali i Paesi-target di EIMA Gulf hanno un bisogno vitale”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet