Battaglia sulle bollette tra Muzzarelli e le imprese


BOLOGNA, 12 APR. 2011 – Le critiche sono arrivate soprattutto dalle imprese del comparto ceramico. E proprio a loro si è riferito l’assessore regionale alle Attività produttive dell’Emilia-Romagna, Giancarlo Muzzarelli, intervenendo ad un convegno sul piano energetico alla Camera del Lavoro di Bologna. Chi polemizza sul costo delle bollette energetiche – ha detto – tenga conto delle aggiunte degli ultimi 30 anni e non si arrabbi "solo perché oggi c’é qualche euro in più sulle fonti rinnovabili". "Il tema della bolletta – ha spiegato Muzzarelli – è un tema vero: è il 30% in più della media europea. E noi abbiamo la necessità di fare i conti per cercare di assicurare la competitività del nostro sistema imprenditoriale e delle nostre famiglie". Ed è vero anche che i costi inseriti nel tempo, "negli ultimi 30 anni e non da oggi, sono costi aggiuntivi rispetto agli stessi costi di realizzazione dell’energia. E quindi noi abbiamo la necessità di fare un punto".Ma non può essere, per l’assessore, "che la polemica nasca solo perché oggi c’é qualche euro sul fotovoltaico. Bisogna fare una verifica completa per ciò che la bolletta contiene già, per il decomissioning, per la chiusura del nucleare, per tutto quello che è successo nel tempo che è stato scaricato nella bolletta".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet