Basket, impresa della Virtus contro il Cremona


CASALECCHIO DI RENO (BOLOGNA), 26 DIC. 2010 – Più che una partita di Basket una maratona. Ci sono voluti tre tempi supplementari e in totale 55 minuti di gioco alla Virtus Bologna per battere una Vanoli Cremona sprecona. Ma la generosità degli avversari non impedisce di parlare di impresa per gli emiliani. Decisivo Koponen (36 punti, 14/14 ai liberi), che ha ripreso tre volte gli avversari. Dopo l’ultima Cremona, che ha sprecato due volte il tiro della vittoria con Rowland, si è sciolta di colpo incassando un 16-0 ingeneroso nell’ultima proroga.IL FILM DELLA PARTITAIn 275 minuti di storie se ne vivono tantissime. La Canadian ripesca nella notte di Natale l’infortunato Sanikidze che Lardo deve mandare in campo già a metà secondo quarto per fermare Milic (8/12, 12 rimbalzi), dominante per intelligenza nella pochezza generale (20 perse totali nei primi 20′). Il -1 dell’intervallo è però bugiardo: Bologna (nonostante un buon Homan) gioca male, crolla fino a -11 (40-51), perde Poeta infortunato, ma si aggrappa alla magia di Koponen da metà campo sulla terza sirena e alla fiammata di Amoroso per tornare a contatto (49-53 al 32′).Sul 61-57 del 38′ sembra fatta, invece é solo il via all’epopea: Rowland (9/18) e Foster (6/19, ma 10 recuperi) sorpassano, Koponen pareggia a quota 67 a 6", poi ancora Rowland spreca in lay-up. Si riparte e Mahoric perde subito Milic per falli, ma trova le invenzioni dei suoi americani: sul 75-81 al 43′ la doccia pare vicina per tutti, invece un furto clamoroso di Moraschini (fin lì fischiatissimo), uno sfondamento di Foster su Gailius (in crescita), due liberi di Koponen a 13" e il secondo errore di Rowland ritardano il rientro negli spogliatoi.Il catalogo di regali della Vanoli ha però ancora un pacco in magazzino: sopra 93-98 (sempre firmato Foster-Rowland), negli ultimi 30 secondi Cremona si fa riprendere stavolta da una tripla impiccata di Winston (8/22, 14 rimbalzi) e dalla solita infilata di Koponen a fil di sirena. Lì, esausta, la Vanoli si arrende. L’ultimo supplementare è una passerella per la Virtus che, in attesa di capire se l’assente Kemp avrà ancora un futuro a Bologna, almeno scaccia l’incubo del quarto ko consecutivo in casa.COSI’ IN CAMPOCanadian Solar Bologna batte Vanoli-Braga Cremona 116-100 dopo tre tempi supplementari (17-17; 30-31; 43-51; 67-67; 81-81; 100-100).Canadian Solar: Poeta 5, Koponen 36, Winston 24, Amoroso 8, Homan 22, Gailius 11, Moraschini 5, Sanikidze 5, Martinoni, Parzenski ne, Spizzichini ne, Tugnoli ne. All.: Lardo. Vanoli-Braga: Rowland 23, Foster 19, Milic 21, Drozdov 12, Sekulic 2, Conti, Formenti 6, D’Ercole 10, Perkovic 7, Lottici ne, Marenzi ne, Antonelli. All.: Mahoric. Arbitri: Pozzana, Tola, Barni. Note – Tiri liberi: Bologna 31/40, Cremona 20/26. Tiri da tre: Bologna 7/27, Cremona 10/36. Rimbalzi: Bologna 58, Cremona 48. Usciti per 5 falli: Amoroso al 33′, Sekulic al 35′, Perkovic al 38′, Martinoni al 39′, Milic al 42′, Rowland al 49′, Moraschini al 49′. Spettatori: 7848.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet