Barilla, vendite a +4% nel 2013, ma a -1% in Italia


11 LUG. 2013 – Crescono del 4% le vendite dei prodotti Barilla ma solamente all’estero perché in Italia si registra un calo dell’1%. Sono i primi dati anticipati dal gruppo all’ANSA per quanto riguarda il 2013, dopo aver chiuso il 2012 con un fatturato di 3,9 miliardi, di cui l’80% fatto in Europa con circa la metà in Italia e il 20% nel resto del mondo. “Stiamo registrando un buon andamento per la company – commenta Paolo Barilla vicepresidente del gruppo alimentare a margine di un convegno promosso dal gruppo – con l’Italia però che cammina a rallentatore, mentre la parte Europa e le Americhe vanno molto meglio”. In Francia e in Germania la crescita dei volumi venduti nei primi sei mesi è, infatti, a due cifre. “In Italia teniamo ma con grandissima fatica – sottolinea Barilla – ovviamente sacrificando i margini, perché il consumo non c’è, siamo in una dinamica totalmente ancora recessiva”. Molto bene sta andando il segmento dei sughi pronti destinati all’estero, prodotti nello stabilimento inaugurato ad ottobre scorso a Rubbiano di Solignano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet