Barilla punta su Russia ed export


”Barilla è una azienda virtuosa e questo ci fa guardare al futuro con ottimismo, benché ci attendano tempi non facili”. Così il vice presidente Luca Barilla, che ad Ascoli Piceno ha presentato i contratti di coltivazione del grano duro di alta qualità stipulati da Barilla con gli agricoltori delle Marche e festeggiato i 35 anni di vita dello stabilimento locale. Etica, sostenibilità e meritocrazia i tre concetti al centro del suo discorso: ”Mio padre – ha detto – intendeva l’etica come produzione di qualità fatta nel rispetto degli acquirenti, con un’azienda leale verso tutti e con le leggi dello Stato. Abbiamo fatto errori, ma piccoli, limitati e in buona fede, ma abbiamo sempre pagato le tasse e continueremo a farlo”. Quanto alla sostenibilità, ”non basta più puntare solo sul risparmio energetico, idrico e sul contenimento delle emissioni in atmosfera. Barilla – ha detto il vice presidente – vi ha aggiunto il voler aiutare le persone all’educazione e alla crescita professionale attraverso un ambiente di lavoro che protegge le persone”. ”Se non attuassimo una politica di meritocrazia che premia o penalizza la prestazione dell’operatore non saremmo sostenibili” ha poi ricordato. ”Per questo però mettiamo a disposizione dei nostri operatori ambienti accoglienti dove poter sviluppare relazioni umane e non solo lavorative”. Per la Barilla preservare il mercato italiano ”è una priorità assoluta”, ma il nostro è un mercato stabile, ”non aumentano i consumi e non aumenta la popolazione, anzi c’è sempre un pò di crisi. Quindi dobbiamo rivolgerci di più all’estero, al mercato americano, che richiede molta attenzione, al mercato europeo e al mercato russo, che sta andando benissimo”. Lo ha detto all’ANSA il vice presidente dell’azienda alimentare Luca Barilla, oggi in visita allo stabilimento di Ascoli Piceno. In Russia, ha aggiunto, ”stanno scoprendo l’Occidente, i prodotti e la cultura professionale occidentale, e hanno anche i mezzi. Stiamo facendo investimenti importanti là. Nel 2016 abbiamo inaugurato uno stabilimento che sta andando molto bene, lo potenziamo perché è già saturo”. ”La domanda è più forte dell’offerta – ha concluso Luca Barilla – quindi stiamo correndo tanto”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet