Barilla investe 50 milioni in impianto sughi da record


Barilla annuncia che investe 50 milioni e assumerà 60 dipendenti per l’ampliamento dello stabilimento sughi per pasta di Rubbiano, inaugurato nell’ottobre 2012 dall’ex premier Mario Monti. Nel 140esimo anniversario della fondazione, l’azienda lo ha definito come il più grande ed efficiente impianto di produzione sughi in Europa e tra i più sostenibili al mondo. Rubbiano fu realizzato con investimento di 40 milioni; le vendite sono cresciute di oltre il 45% da allora e sono destinate per il 75% all’export. Lo stabilimento produce la gamma dei sughi a base pomodoro e quella dei pesti e pestati. Ora produrrà anche tutte le ricette con carne. Il progetto è stato comunicato ai sindacati di riferimento che “saranno direttamente coinvolti nel percorso di confronto sullo sviluppo del sito produttivo, che si prevede sarà completato ed operativo entro il 2018”. La capacità produttiva sarà di oltre 122.000 ton/anno. “Sarà una fabbrica totalmente integrata, progettata internamente e assolutamente coerente con la strategia aziendale del ‘Buono per Te, Buono per il Pianeta’”, dichiara Carlo Carteri, responsabile degli stabilimenti pasta e sughi in Europa. “Sarà caratterizzata da impianti e tecnologie innovative, robotizzate e digitalizzate, in linea con le logiche dell’Industria 4.0, in grado di elevare ulteriormente i già alti livelli di qualità e sicurezza del prodotto, coniugando gli aspetti di efficienza e flessibilità, anche attraverso un sofisticato sistema di tracciabilità”.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet