Banco Popolare, l’utile scende a 29 milioni


9 AGO. 2012 – Il Banco Popolare ha chiuso il primo semestre 2012 con un utile di 29 milioni, contro i 189 dello stesso periodo dell’anno scorso. E’ l’effetto dell’impatto negativo per 142 milioni derivante dalla valutazione a fair value delle passività di propria emissione. Per il gruppo di cui fa parte anche il Banco di San Geminiano e San Prospero, però, l’utile netto consolidato è comunque in crescita del 2,7 per cento, a 171 milioni. Sale del 2,9% anche il margine di interesse annuale, a 916,7 milioni grazie alle politiche di repricing che hanno compensato il calo dei volumi e l’aumento del costo della raccolta.Bene anche le commissioni nette, +3,5% a 678,2 milioni, nonostante i costi delle acquisizioni della garanzia dello Stato Italiano su nuove emissioni obbligazionarie per un ammontare pari a 4,7 miliardi, utilizzate come base per operazioni di finanziamento con la Bce.Scendono del 3,3% gli oneri operativi a 1.169,6 milioni; il settore più coinvolto è quello delle spese per il personale.Le rettifiche di valore nette per deterioramento dei crediti verso la clientela sono pari a 398,1 milioni rispetto ai 399,7 milioni addebitati al conto economico nel primo semestre 2011.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet