Banco popolare approva l’aumento di capitale


Banco Popolare: cda approva i risultati del 1° trimestre 2016 ed esercita la delega per l’Aumento di Capitale in 1 miliardo di euro: l’intero aumento verrà offerto in opzione agli attuali soci. Nell’ambito del processo finalizzato al perfezionamento del progetto di aggregazione con BPM, il Gruppo inizia ad innalzare fin dal primo trimestre il livello medio di copertura dei crediti deteriorati in linea con quanto richiesto dalla BCE con l’obiettivo di raggiungere i livelli più elevati nel sistema bancario italiano: innalzato il livello di copertura dei crediti in sofferenza al 59,7% rispetto al 56,3% del 31 dicembre 2015 con conseguente crescita di due punti percentuali anche del livello medio di copertura della totalità dei crediti deteriorati che sale al 45,7%; addebitate conseguentemente al primo trimestre dell’esercizio rettifiche nette di valore su crediti per 684 milioni rispetto ai 181 milioni del 31 marzo 2015; stock dei crediti dubbi netti in ulteriore flessione del 3,6% e del 3,2% rispetto al 31 marzo e al 31 dicembre 2015;
• i flussi netti in ingresso nella categoria dei crediti deteriorati rimangono contenuti (+386 milioni) in linea con il dato medio registrato nei quattro trimestri dell’esercizio precedente. Forte contenimento degli oneri operativi sia sul versante dei costi del Personale (4,4% rispetto al 31 marzo 2015) che delle spese amministrative (-2,9%) escludendo il costo del contributo da versare al Fondo Unico di Risoluzione (44,4 milioni integralmente addebitati al conto economico del primo trimestre), gli oneri operativi ammontano a 516 milioni, in calo del 4,1% rispetto al 31 marzo 2015. La volatilità dei mercati del primo bimestre condiziona la dinamica dei proventi operativi: i proventi totali si attestano a 786 milioni, in calo del 17,6% rispetto allo stesso trimestre del 2015 che aveva beneficiato di una contribuzione commissionale eccezionale. A causa esclusivamente dell’incremento del costo del credito il trimestre si chiude con un risultato economico netto negativo per 314 milioni. Escludendo l’impatto della discontinuità nell’andamento del costo del credito derivante dalla decisione di iniziare ad incrementare il livello medio di copertura dei crediti deteriorati, il primo trimestre si sarebbe chiuso con un risultato economico netto positivo di circa 38 milioni.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet