Banche, crescono i tassie le commissioni


BOLOGNA, 15 MAR. 2012 – Tasso di interesse e commissioni applicati dal sistema bancario in aumento per la maggior parte delle imprese emiliano-romagnole. I due valori crescono rispettivamente nel 55,9 e nel 54% delle realtà produttive regionali. Stabile invece il livello di garanzie necessarie all’ottenimento di finanziamenti (per l’84,9% delle imprese). E’ quanto emerge dall’indagine condotta da Unioncamere Emilia-Romagna su un campione di 1.500 imprese rappresentativo della realtà imprenditoriale regionale a fine 2011 nell’ambito dell’Osservatorio regionale sul credito in Emilia-Romagna. "Il rapporto tra imprese e credito è, allo stesso tempo, estremamente delicato e fondamentale per lo sviluppo di un territorio – ha detto Carlo Alberto Roncarati, presidente di Unioncamere Emilia-Romagna – se questo è vero in ogni momento della storia di un’economia, lo è ancor di più in una fase nevralgica come quella che stiamo vivendo". Si spiega così la decisione del Sistema camerale dell’Emilia-Romagna di estendere al 2012 l’Osservatorio regionale sul credito e di intensificarne le attività prevedendo due rilevazioni campionarie, con cadenza semestrale. Dal punto di vista settoriale, l’industria alimentare e la metalmeccanica hanno sofferto particolarmente l’aumento del tasso di interesse, mentre l’incremento delle commissioni applicate è stato avvertito soprattutto dalle imprese commerciali, edili e appartenenti alle "altre industrie". Le imprese della regione non hanno invece riscontrato particolari difficoltà connesse alla quantità di credito erogato, problematica sollevata dal 7,3% degli intervistati. Per il 43,5% delle imprese, poi, nel corso del 2011 non è emersa nessuna criticità nel rapporto banca-impresa. Alcuni istituti di credito sono intervenuti con richieste di rientro sui fidi accordati, tuttavia la tendenza non è stata particolarmente pronunciata in Emilia-Romagna rispetto alla media nazionale: poco più di un decimo delle imprese dichiara di aver ricevuto richieste di rientro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet