Banca di Parma, in arrivo il primo sportello


PARMA, 11 LUG. 2012 – Si avvicina il giorno d’apertura della prima filiale di Banca di Parma. L’istituto, nato il 20 dicembre scorso, è l’ultimo arrivato in Emilia-Romagna nella famiglia delle banche di Credito Cooperativo. Il capitale sociale versato è di oltre 4milioni di euro e i soci sono 1100. Per passare del tutto dalla fase costitutiva a quella operativa manca solo il via libera di Bankitalia all’esercizio dell’attività bancaria. Dopo di che ci sarà l’apertura della prima filiale."Il percorso verso l’apertura della banca è ormai nell’ultima fase – ha spiegato Alfredo Alessandrini, presidente del Cda -, il periodo che ci separa da questo risultato viene utilmente impiegato per lavorare alla predisposizione delle strutture organizzative ed operative". E il vicepresidente Pierluigi Casa ha ribadito che: "tutte le complesse attività propedeutiche alla presentazione della domanda di autorizzazione in Banca d’Italia sono state predisposte con la massima velocità e scrupolosità possibile. La dilatazione dei tempi è derivata dalle difficoltà che alcuni soci hanno riscontrato nel reperimento della prevista documentazione".Per aggiornare costantemente i propri soci e tutto il territorio sugli sviluppi e sulle più recenti attività, la Banca sta predisponendo importanti progetti che prenderanno il via dopo le vacanze estive. Il primo fra questi riguarda l’ormai imminente pubblicazione di una newsletter periodica, sia in forma elettronica che cartacea, che sarà inviata a tutti i soci e ai referenti istituzionali del territorio. Il primo numero della newsletter sarà un’occasione per presentare, fra l’altro, i membri del cda, la prossima sede e il logo scelto per il’istituto di credito.A partire da settembre, poi, saranno organizzati diversi incontri pubblici, alcuni dei quali anche formativi. Il primo avrà come tema: "Le banche locali nell’attuale momento di crisi". Un tema di grande attualità per la crescente preoccupazione sia nel mondo delle imprese che nelle famiglie per risparmio.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet