Auto e Suv incendiati, fermato un impiegato


©Trc-TelemodenaMODENA, 10 APR. 2009 – “Indizi importanti”, li ha definiti il procuratore capo Vito Zincani, quelli che hanno portato al fermo di un modenese 40enne, un impiegato che avrebbe anche un precedente per incendio doloso, e che è accusato di essere il piromane dei Suv. In casa dell’uomo, secondo indiscrezioni, la polizia avrebbe trovato ritagli di giornale riportanti proprio notizie sugli incendi. Ma sarebbe questo solo un’eventuale ultima conferma, perché i sospetti si erano già concentrati sul modenese, dopo appostamenti e verifiche che avrebbero dimostrato che il 40enne in più occasioni era sul luogo degli incendi più o meno all’ora dei fatti. Corrisponderebbe anche alla fisionomia dell’uomo immortalato dalle telecamere del centro, che però non offrono immagini chiarissime. Insomma, sospetti concreti ma necessità di ulteriori verifiche, per questo le indagini sono ancora in corso e sul loro esito gli inquirenti mantengono il massimo riserbo. Sette i raid compiuti contro i Suv, l’ultimo due notti fa in via Lambrakis, il più grave in via Dei Servi, dove fu danneggiato anche l’istituto Venturi. Gli investigatori hanno accelerato i tempi anche perché temevano che prima o poi qualcuno potesse restare ferito durante gli incendi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet