Arriva Tickete, la startup dello scontrino


Scatta una foto al tuo scontrino fiscale e vinci un premio. Questa è l’intuizione alla base di Tickete, innovativa startup – oggi protagonista di una campagna di equity crowdfunding sul portale CrowdFundMe – che, attraverso l’elaborazione dei dati contenuti nelle ricevute di pagamento, fornisce alle aziende informazioni preziose circa il comportamento dei consumatori. E incentiva questi ultimi offrendo loro la possibilità di ricevere regali, o buoni sconto, in cambio dei dati inviati. Una sorta di Google Analytics, quindi, ma offline, che nasce da una semplice considerazione: il negozio fisico è ancora oggi il canale dal quale è più difficile raccogliere dati utili ai fini delle strategie di marketing, oltre ad essere ancora il canale di vendita privilegiato. Basti pensare che il giro d’affari di Amazon negli Stati Uniti vale il 49% dell’intero mercato e-commerce americano… che equivale al 5% di tutti gli acquisti retail

Da qui, la necessità di trovare una soluzione che permetta a chi si occupa di vendite di migliorare la propria offerta, tracciare al meglio le abitudini di acquisto e, di conseguenza, ampliare il bacino dei potenziali clienti e i propri risultati. Tickete si pone dunque come un servizio pionieristico che permette di raccogliere in modo semplice e immediato i dati riguardanti gli acquisti dai punti vendita fisici, sfruttando, grazie alla tecnologia, le grandi potenzialità che, dal punto di vista del marketing, offre la tradizionale ricevuta fiscale. Tickete funziona infatti tramite la sua app, sito web e bot facili e intuitivi: l’utente non deve fare altro che scattare una foto allo scontrino con il proprio dispositivo mobile e inviarla tramite l’applicazione dedicata, ricevendo in cambio la possibilità di avere un buono sconto o dei regali.

In questo modo alle aziende vengono inviate informazioni preziose in tempo reale, consentendo loro di ottimizzare le proprie strategie di marketing. In un solo anno, Tickete ha già iniziato a generare ricavi e ha raccolto e analizzato più di 4 milioni di scontrini inviati da oltre 30.000 utenti, ha registrato più di 2.000 utenti attivi quotidianamente e 100.000 download della app, creando una nutrita banca dati che mostra le abitudini di consumo degli italiani. Tra i clienti paganti della startup innovativa si annoverano Penny Market e DoveConviene, che stanno già utilizzando con successo la tecnologia proposta da Tickete per ottimizzare le proprie strategie di vendita, tracciare le conversione degli acquisti e creare maggiore engagement per i propri clienti.

Ma non solo: tra i risultati raggiunti, si annoverano anche partnership di prestigio: Tickete rientra infatti nel programma Partner World di IBM e potrà essere utilizzata dai clienti all’interno dell’Innovation Center del colosso informatico. Fa inoltre parte di Facebook Start, programma di Facebook per far crescere le startup in maniera globale offrendo un’assistenza dedicata e servizi gratuiti tra cui budget per pubblicizzarsi.

I fondi raccolti tramite la campagna di equity crowdfunding sul portale CrowdFundMe saranno investiti in attività di marketing e nell’ampliamento del team, con l’obiettivo di migliorare gli algoritmi di profilazione e l’A.I (Artificial Intelligence) e rilasciare nei primi mesi del prossimo anno la Data Platform di Tickete, una piattaforma per rendere facilmente fruibili alle aziende i dati raccolti. Una sfida importante, considerando che il mercato di afferenza di Tickete, quello dei Big Data, cresce ogni anno del 11,7%, con la previsione di superare i 200 miliardi di dollari nel 2020.

“L’obiettivo principale– spiega Luca Gisi CEO e co-founder di Tickete – è quello di offrire alle aziende una soluzione in grado di raccogliere e consultare in tempo reale milioni di dati riguardanti le abitudini di acquisto dei consumatori in modo da ottimizzare le strategie di marketing e vendita. Con i fondi raccolti possiamo allargare il team e accelerare la crescita”.

Lo scontrino fiscale diventa così non più soltanto un pezzo di carta, che spesso ci teniamo nelle tasche spiegazzato e che buttiamo via alla prima occasione, ma, dal punto di vista delle aziende, rappresenta una risorsa importante per proporre prodotti o servizi sempre più in linea con le esigenze dei propri clienti e, di conseguenza, incrementare le vendite.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet