Arbizzi, il titolare cede l’azienda ai suoi lavoratori


Non tutte le storie aziendali, considerando il periodo di ancora diffusa crisi, parlano di licenziamenti e chiusure. E ciò che si pensa guardano il caso di Emilio Arbizzi che ha preso una scelta insolita: passare il testimone della sua azienda ai suoi lavoratori, che hanno così costituito una cooperativa. L’azienda è la Arbizzi srl di Reggio Emilia, divenuta una cooperativa grazie allo strumento del “workers buyout”. L’azienda è in difficoltà e così si mette in campo uno strumento che permette ai lavoratori di prenderla in affitto o acquistarla. Ma il caso dell’Arbizzi è ancora diverso. Perché la società, attiva nel campo della commercializzazione di prodotti e materiali per l’imballaggio industriale, non è in crisi. Si è optato per questo strumento in funzione del ricambio generazionale. Perché? Il motivo è semplice: sono i lavoratori a detenere il know-how e gli anni passati a fianco dell’imprenditori hanno dato loro le competenze necessarie a gestire autonomamente l’azienda. A sostenere l’operazione la Legacoop di Reggio Emilia, con il supporto finanziario del movimento cooperativo (Coopfond e Cooperazione finanza impresa), che ha finanziato l’intervento in termini di capitalizzazione, finanziamenti e mettendo a disposizione gli strumenti di garanzia per l’accesso al credito.

 

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet