Aperta la nuova Pedemontana di Modena


MODENA, 14 FEB. 2009 – Le prime auto che l’hanno percorso sono state delle fiammanti Ferrari. Da oggi è aperto il nuovo tratto della Pedemontana che collega la località di Ergastolo, a confine tra i comuni di Vignola e Spilamberto, a Bazzano nel bolognese, compreso il nuovo ponte sul Panaro lungo quasi 450 metri. Sono stati realizzati anche sei cavalcavia, due sottopassi e gli svincoli con le strade provinciali e con la provinciale Vignolese. Questa opera è costata 33 milioni di euro… La nuova Pedemontana consente di liberare dal traffico, soprattutto pesante, i centri di Vignola e Savignano. In primavera sarà aperto anche il secondo tratto da Ergastolo a S. Eusebio; attualmente sono in corso i lavori del prolungamento della Pedemontana sul versante ovest da Pozza a Solignano. Nel frattemmpo, ieri pomeriggio il Sindaco di Sassuolo Graziano Pattuzzi ha incontrato il Direttore Tecnico della Società Autobrennero Carlo Costa, per discutere di viabilità regionale e, in particolare della bretella di collegamento tra Campogalliano e Sassuolo.“Aldilà di quanto afferma chi ancora non crede, dopo quarant’anni, nell’indispensabilità della bretella – afferma Pattuzzi – noi proseguiamo nel cammino che dovrà portare alla sua realizzazione perché ne hanno urgenza le nostre imprese e gli stessi abitanti di Sassuolo e dell’intera provincia. Secondo uno studio realizzato da Autobrennero sulle ricadute che la bretella avrà sull’intero traffico provinciale, infatti, è risultato evidente come la sua totale realizzazione porterà a decongestionare di un buon 50% il traffico in entrata ed in uscita dal casello di Modena nord, lo snodo di Cognento e tutta la rete viaria provinciale. Realizzando la Bretella – prosegue il Sindaco – si risolverebbero inoltre buona parte dei problemi logistici delle nostre imprese, che finalmente verrebbero collegate direttamente con la viabilità nazionale ed internazionale”.La Società Autobrebbero ha presentato alcune proposte riguardo alle modalità e ai tempi di gestione della Campogalliano – Sassuolo dimostrando, quindi, tutto l’interesse ha nel raggiungere direttamente la capitale delle ceramiche con la naturale prosecuzione dell’autostrada del Brennero.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet