Annata agraria modenese,nel 2012 un calo del 4,7%


MODENA, 24 APR. 2013 – Da una parte il terremoto, dall’altra la siccità. Sono tempi duri per l’agricoltura modenese, che chiude il 2012 in negativo, con una perdita del 4,7% rispetto all’annata precedente. Dopo un paio di annate agrarie positive, infatti, il 2012 si attesta su un valore di poco superiore ai 501 milioni di euro, contro gli oltre 525 milioni di euro del 2011. A pesare soprattutto il terremoto che ha provocato ingenti danni alle strutture mettendo in ginocchio l’economia di un’area da sempre ad alta produttività agricola e artigianale, e della siccità, arrivata nei mesi successivi, che ha superato per intensità e durata quella storica del 2003 danneggiando quantità e qualità di molte colture. La flessione è dovuta soprattutto al settore zootecnico che vale 238 milioni di euro e chiude il 2012 con una perdita del 6,5%. Sono calate anche, ma in misura minore, le produzioni vegetali che presentano un arretramento del 2,9% quasi integralmente imputabile ai cereali. Le scarse precipitazioni hanno influito anche sulla produzione dei cereali, diminuita in valore del 9,2%, imputabile soprattutto al mais e al sorgo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet