Anche l’Emilia-Romagna si illumina di meno


12 FEB. 2010 – Per celebrare il suo sesto compleanno, "M’illumino di meno" si rifa il look. La Giornata del Risparmio Energetico lanciata dalla popolare trasmissione radiofonica Caterpillar, in onda su RAI Radio 2, ritorna oggi, venerdì 12 febbraio, in una veste completamente rinnovata. Forte dell’adesione di migliaia di ascoltatori e di intere città sia in Italia che all’estero, quest’anno l’evento va oltre l’invito a rispettare un simbolico “silenzio energetico” e si propone come una vera e propria festa dell’energia pulita.L’appuntamento è fissato per il tardo pomeriggio, intorno alle 18, quando case, uffici, negozi e piazze si spegneranno contemporaneamente, come da tradizione. Da 5 anni, infatti, questo gesto rappresenta un modo per riflettere sulle conseguenze del consumo indiscriminato di energia e per promuovere la riduzione degli sprechi. Ma secondo Massimo Cirri e Filippo Solibello, i due conduttori di Caterpillar che fanno da padrini all’iniziativa, i tempi ormai sono maturi per fare un passo avanti. "In questi anni abbiamo imparato a risparmiare, ora impariamo a produrre meglio e a pretendere energia pulita", hanno scritto nel comunicato di presentazione dell’evento. In cui hanno fatto appello "all’inesauribile ingegno italico" per invitare ognuno di noi – dagli studenti ai precari, dalle aziende in crisi alle amministrazioni comunali – a misurarsi con la green economy, adottando un sistema pulito. Così da coinvolgere tutti coloro che decidono di accettare la sfida dell’economia sostenibile non più in uno spegnimento corale, ma in un’accensione di luci "virtuose".Stasera, per celebrare al meglio questa edizione di "M’illumino di meno", Caterpillar andrà in onda eccezionalmente dai Mercati Traianei in Roma, coinvolgendo cittadini, scuole, istituzioni e associazioni in una rassegna di luci belle, creative e pulite, escogitate ad hoc, con un concerto finale rigorosamente a impatto zero. Ma i segnali simbolici di fiducia nelle energie rinnovabili coinvolgeranno tutto il Paese. Che nell’ultimo mese, a partire dal 4 gennaio, è stato attraversato da una fiaccola a energia pulita, dotata di minipannelli fotovoltaici e Led a bassissimo consumo. Il suo viaggio a tappe, monitorato quotidianamente da Cirri e Solibello, ha toccato anche Bologna.Nel capoluogo emiliano-romagnolo ad illuminarsi di meno sarà piazza Santo Stefano, uno dei luoghi più suggestivi della città. Alle 18.30, si spegneranno i lampioni e si accenderanno unicamente delle sculture di luce realizzate con materiale di recupero dal designer Danilo Traverso. Le lampade, alimentate a gas naturale, sono il frutto della reinterpretazione degli scritti dell’architetto bolognese del 1500 Sebastiano Serlio. E in questa inedita cornice, lo storico dell’arte Eugenio Riccomini accompagnerà il pubblico alla scoperta del volto antico della Piazza e della sua Basilica, simili a come dovevano essere quando l’energia elettrica ancora non c’era. A Reggio Emilia invece, si attiva direttamente il Comune, che distribuirà presso l’Ufficio Informazioni di via Farini 2/1 lamapdine a basso costo energetico. Il Comune di Reggio Emilia è da tempo attivo nella realizzazione e promozione di politiche volte a ridurre i consumi energetici e al ricorso all’utilizzo di energie alternative come ad esempio il fotovoltaico. Nel 2009 ha vinto il premio "KlimaEnergy Award" ed è stato riconosciuto a livello nazionale come Comune al di sopra dei 150.000 abitanti con le migliori politiche di intervento volte a ridurre il problema delle emissioni di gas serra e a raggiungere efficienza energetica.Anche Modena farà la sua parte, iniziando la giornata dedicata al risparmio energetico alle 9.30 con un seminario. Dalle 12, poi, si spegneranno le luci nelle sedi degli uffici comunali e, dalle 18.00 alle 20.00, anche l’illuminazione pubblica di Piazza Sant’Agostino e Piazza Grande. Dalle 18:30 aperitivo al buio negli esercizi commerciali, bar, ristoranti aderenti all’iniziativa. Mentre a Fiorano, in collaborazione con il Caffè Teatro Astoria, l’Amministrazione Comunale spegnerà l’illuminazione della piazza dalle 18.30 a mezzanotte (tempo permettendo, in caso di neve o ghiaccio le luci saranno riaccese alle 20) e il Caffè Teatro Astoria parteciperà con l’organizzazione di un aperitivo “illuminato” da candele ecologiche, dalle 18,30 alle 20 circa.Ma ad impegnarsi saranno anche le Coop. I 156 punti vendita di Coop Adriatica – 16 ipercoop e 140 supermercati in Emilia-Romagna, Veneto, Marche e Abruzzo – e le gallerie commerciali che li ospitano taglieranno i consumi, riducendo luci e riscaldamento; altrettanto faranno gli uffici delle tre sedi di Villanova di Castenaso (Bologna), Ravenna e Mirano (Venezia).Mentre tutti i punti di vendita di Coop Estense abbasseranno le luci per due ore. Per la rete di vendita della cooperativa, che comprende 55 strutture a Modena, Ferrara, a Matera e in Puglia, significa risparmiare oltre 2.000 kilowatt di energia elettrica, che corrispondono ad una riduzione di circa 1.180 kg di CO2 nell’ambiente. Come se 253 famiglie italiane facessero a meno della luce elettrica per un’intera giornata.Saranno tante, infine, le iniziative a tema sul territorio, realizzate dai negozi e i soci Coop in collaborazione con istituzioni e associazioni locali, per sensibilizzare i cittadini sui temi ambientali e incentivare all’utilizzo delle fonti rinnovabili. A Bologna, ore 21, all’Ambasciatori si terrà il reading "Il corpo della Terra, il respiro della libertà": il poeta Nicola Muschitiello darà voce a testi di Anna Maria Ortese e Giacomo Leopardi, con un accompagnamento musicale e brani tratti dal suo libro "Terra celeste". La lettura, sul tema della sostenibilità ambientale, sarà accompagnata da musiche di Elgar, Debussy, Barto’k, a cura di Dom Stefano Maria Greco. A Rimini, al centro Coop della galleria commerciale Malatesta, cena a lume di candela. Mentre a Ravenna, nel pomeriggio, il Centro commerciale Esp ospiterà "M’illumino di più in bici", iniziativa di informazione e sensibilizzazione sulla sicurezza stradale in bici, organizzato con Legambiente.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet