Ance Modena, Sandro Grisendi nuovo presidente


Cambio al vertice per Ance Modena. Nel corso dell’assemblea che si è tenuta nei giorni scorsi sono stati eletti i nove componenti del Consiglio direttivo i quali, a loro volta hanno proceduto alla nomina del nuovo presidente e dei due vicepresidenti.

Il nuovo consiglio direttivo è composto da: Stefano Betti (Costruzioni Generali Due), Mauro Bocchi (B.M.dei F.Lli Bocchi e C.), Manuela Gibertoni (Leonardo), Sandro Grisendi (CSM Consorzio Stabile Modenese), Paolo Iacheri (Cav.Emilio Giovetti), Stefano Lucchi (Frantoio Fondovalle), Sandro Mantovani (AeC Costruzioni), Massimo Martinelli (Martinelli Leopoldo) e Claudio Saraceni (Garc).

Fanno inoltre parte di diritto del Consiglio direttivo anche il past president Giovanni Neri (Costruzioni Giovanni Neri), attualmente presidente della Cassa Edili, e il presidente della Scuola Edile Benedetto Grossi.

Sandro Grisendi, presidente del Consorzio Stabile Modenese, è stato scelto per i prossimi tre anni alla guida delle imprese che aderiscono all’Ance di Modena. Lo affiancheranno nel suo mandato, in qualità di vicepresidenti, Claudio Saraceni, della Garc, e Paolo Iacheri, della Cav.Emilio Giovetti.

Sandro Grisendi, classe 1956, coniugato con due figlie è nato e risiede a Modena. È iscritto all’Albo degli Ingegneri della Provincia di Modena. La sua pluriennale esperienza nel campo dell’edilizia inizia negli anni Ottanta, da allora Grisendi ha ricoperto numerosi ruoli dirigenziali tra cui: direttore di produzione della Cooperativa Ingegneri ed Architetti di Modena; direttore Tecnico e in seguito Direttore Generale della Rigenti S.p.A; amministratore delegato e direttore Tecnico della Emiliana Scavi S.r.l; direttore tecnico della Cesa Costruzioni spa Modena. Dal luglio 2012 è legale rappresentante del Consorzio Stabile Modenese s.c.p.a e da luglio 2017 amministratore unico.

Nel corso dell’Assemblea di Ance Modena è stato rinnovato anche il collegio dei Probiviri, i cui componenti designati sono: Aldo Barbati, Umberto Bernardi e Luciano Gregorio.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet