Ammortizzatori sociali in deroga, prima intesa tra Regione e parti sociali


BOLOGNA, 18 GIU. 2009 –  CNA e Confartigianato, assieme alle Organizzazioni Sindacali, hanno sottoscritto nella giornata di martedì un “primo verbale di incontro” con l’Assessorato alle Attività Produttive della Regione Emilia-Romagna sulle modalità e procedure per dare avvio all’erogazione degli ammortizzatori in deroga per le imprese artigiane aventi diritto dal 1 gennaio al 4 giugno 2009. Si tratta di circa 1.100 richieste di intervento che coinvolgono oltre 6.000 lavoratori delle imprese artigiane dell’Emilia Romagna aderenti alle Associazioni firmatarie."E’ un primo importante risultato – commentano CNA e Confartigianato regionali – che premia lo sforzo e l’impegno della Regione e delle Organizzazioni dell’artigianato; un risultato che risponde, con un atto concreto, anche alle preoccupazioni emerse in questi ultimi tempi. Preoccupazioni che semmai devono essere rivolte verso l’effettiva messa in atto delle disposizioni da parte del Governo nazionale per poter rendere operative le assegnazioni".“Un esito che consente – proseguono CNA e Confartigianato – di iniziare ad utilizzare gli ammortizzatori in deroga con l’intervento della Regione, così come previsto dal Patto per attraversare la crisi sottoscritto fra le parti sociali e la Regione l’8 maggio scorso, e per la definizione del quale le Associazioni artigiane hanno richiamato al profondo senso di responsabilità sociale le aziende che in esse si riconoscono. La volontà espressa nel patto dai firmatari, di traguardare la crisi salvaguardando per quanto possibile i posti di lavoro, si realizza con il concorso di tutti gli ammortizzatori sociali a disposizione, di cui Eber (l’Ente Bilaterale dell’artigianato) continua ad essere lo strumento fondamentale e il primo a cui può fare ricorso l’impresa artigiana per i propri lavoratori”.Grazie a questo risultato, dai prossimi giorni sarà possibile iniziare ad erogare – attraverso l’Eber – le provvidenze previste ad ulteriori 1.300 imprese con circa 7000 lavoratori sottoposti a sospensione, fino all’esaurimento delle risorse disponibili per il 2009. Dopodichè si potrà accedere agli ammortizzatori in deroga come definiti dalla vigente legislazione. Si tratta di un risultato importante poiché il combinato disposto di intervento della bilateralità, sommato a quello della deroga concesso dalla Regione, può consentire alle imprese artigiane e ai propri lavoratori una copertura praticamente per tutto il 2009.CNA e Confartigianato comunicano infine, che il tavolo di confronto con l’Assessorato Regionale alle Attività Produttive resta aperto per definire altri fondamentali aspetti operativi che consentano di velocizzare le procedure per gli accordi futuri, rendendole adatte alle necessità di copertura dei periodi di riduzione dell’orario di lavoro per i lavoratori delle imprese artigiane e delle PMI.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet