Ambiente, al via un nuovo piano regionale da 32 milioni


BOLOGNA, 16 GIU. 2011 – Il nuovo Piano ambientale dell’Emilia-Romagna potrà contare su 32,2 milioni nel triennio 2011-13, puntando a passare dal Patto anti-crisi al Patto per una crescita sostenibile, verso gli obiettivi di Europa 2020. Lo ha detto l’assessore regionale Sabrina Freda alla commissione Territorio e ambiente, che ha in corso l’esame del Piano di azione ambientale 2011-13 deliberato dalla Giunta l’8 giugno scorso.Il provvedimento è da considerare in sinergia con il Piano territoriale regionale, ha precisato Freda, confermando contenuti e priorità del Piano ambientale precedente (2008-10): conservazione della biodiversità; riduzione dei rifiuti e ottimizzazione della gestione; soluzioni a esigenze territoriali specifiche. Sommando fondi nazionali, comunitari e regionali, si arriva ai 32,2 milioni: 17,3 milioni destinati a progetti territoriali, 6,3 in capo alla Regione per progetti di valenza generale e 8,6 risparmiati da ribassi d’asta o altro nell’attuazione del piano 2008-10.Confermati anche i criteri di ripartizione alle Province: 33% quota fissa, 33% estensione territoriale; 33% popolazione (comprese presenze turistiche e residenze universitarie). Dopo l’approvazione in Aula, la Regione stipulerà gli accordi con i singoli Enti locali.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet