Alonso va all’attacco, ma vince sempre Vettel


DOMENICA 29 MAG 2011 – Sebastian Vettel ha vinto per la prima volta in carriera il GP di Montecarlo e continua a scavare un abisso tra sé e gli inseguitori nella classifica Mondiale: ora i punti di vantaggio sono 58 su Louis Hamilton, oggi sesto e autore di tre incidenti. Buone notizie per la Ferrari: Fernando Alonso termina la gara al secondo posto, dopo aver lottato per tutta la gara con Vettel per la vittoria. Terzo, anche lui a pochissima distanza, Jenson Button con la Mc Laren. Gara da dimenticare, invece, per Felipe Massa, che è stato buttato fuori da un contatto con Hamilton, che per questo è stato penalizzato con un drive through.LA GARA – Montecarlo fa specie a sé: qui l’aerodinamica conta poco, mentre conta molto di più un buon degrado delle gomme. E conta anche la fortuna, visto che in pista la safety car entra mediamente due o tre volte. In partenza, Alonso scatta benissimo e agguanta la terza posizione, dietro Vettel e Button. Il tedesco cerca di andare in fuga, mentre Button e Alonso proseguono appaiati fino alla prima tornata di pit stop. Ed ecco la prima svolta: Button si ferma per primo, monta le gomme morbide e, con qualche giro veloce, riesce a guadagnare quel tanto che basta per sorpassare Vettel e andare in testa.l 37° giro accade l’imprevisto: Massa si tocca con Hamilton e finisce contro un muro dopo due curve, obbligando l’ingresso della Safety Car. Button e Alonso sono lesti a rientrare ai box per il secondo pit stop, mentre Vettel resta ancora fuori. Le posizioni rimangono invariate, ma Vettel ha effettuato una sola sosta e nessuno crede che possa arrivare fino al termine con le stesse gomme. Inoltre, Button monta ancora le morbide e sarà costretto dal regolamento a fermarsi di nuovo per montare le dure.A questo punto, Alonso sembra il favorito: è vicinissimo a Vettel, ha gomme relativamente più fresche e sa che i suoi due avversari devono fermarsi di nuovo. Tuttavia, le cose vanno diversamente: Button si ferma lasciando ad Alonso il secondo posto, ma è molto più veloce dei due di testa e li riagguanta a 10 giri dal termine. Quanto a Vettel, pur avendo montato le sue gomme dure al 17° giro, sembra non risentirne troppo, e non fa neanche troppa fatica a tenere dietro Alonso.A 9 giri dal termine un altro incidente cambia il corso della gara: a farne le spese sono Maldonado e Petrov (portato via con l’ambulanza, ma in buone condizioni). La direzione decide di sospendere la corsa per 20 minuti per rimuovere le vetture incidentate. Alla ripartenza, tutti i piloti hanno gomme fresche e il vantaggio di Button e Alonso su Vettel è andato. Finisce, dunque, con Vettel che vince la quinta gara su sei disputate, e Alonso che si mangia le mani per una vittoria sfiorata. La Ferrari, però, sa di poter essere competitiva, almeno su questo tipo di tracciati.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet