Alonso-Massa: le Rosse sono tornate alla vittoria


DOMENICA 14 MAR 2010 – Le Ferrari sono tornate: Fernando Alonso trionfa nel Gp del Bahrain, prima gara del campionato di Formula 1 del 2010. Dietro di lui arrivano il compagno di squadra Felipe Massa, al rientro dopo il terribile incidente dell’anno scorso, e Louis Hamilton su Mc Laren. Delusione per Sebastian Vettel, a lungo in testa e fermato nella sua corsa verso la vittoria da un problema tecnico alla sua Red Bull: il campioncino tedesco chiuderà solo quarto. Mezza delusione anche per le Mercedes: il recordman Michael Schumacher, al rientro dopo tre anni di inattività, è stato autore di una gara scialba e senza acuti, chiusa al sesto posto, giusto dietro al suo compagno di squadra più giovane Nico Rosberg.LA PRIMA GARA del 2010 regala dunque la riscossa alla Ferrari e a Fernando Alonso, entrambi reduci da una stagione assolutamente disastrosa. Alonso, partito terzo in griglia, ha costruito il suo successo sorpassando il compagno di squadra alla seconda curva e andando a braccare per tutta la gara Sebastian Vettel. Il campione tedesco della Red Bull è scattato con autorità dalla Pole, è rimasto davanti dopo i Pit Stop e sembrava lanciato verso una facile vittoria, grazie ad un passo di gara che neanche le Ferrari riuscivano a tenere. Vettel girava infatti costantemente dai 2 ai 5 decimi più veloce dei due diretti inseguitori, che a loro volta hanno scavato una trincea sui successivi piloti. Al 32° giro però Vettel rallenta improvvisamente, a causa di una perdita di potenza generata dalla rottura di uno scarico e, nel corso dei tre giri successivi viene facilmente scavalcato dalle Ferrari e da Hamilton.A PARTE il colpo di scena del rallentamento di Vettel, la gara non ha riservato grosse emozioni, con zero sorpassi in pista nelle prime 8 posizioni. Il sussulto principale è stato quando Hamilton, partito quarto e scavalcato alla seconda curva da Rosberg, è riuscito con un Pit Stop rapidissimo a sopravanzare di nuovo il pilota tedesco, che invece ha avuto qualche problema durante la sosta a i box.HANNO PARZIALMENTE DELUSO le Mercedes, che l’anno scorso (con il nome Brawn Gp) dominavano in lungo e in largo, mentre in questa prima gara hanno dimostrato di non essere assolutamente al livello delle Ferrari, delle Red Bull e delle Mc Laren. Schumacher non ha tirato grandi zampate, e ha anzi chiuso il week end nel deserto sempre dietro, dal primo giorno di prove fino al termine della gara, al suo compagno di squadra Rosberg, che correva con una macchina identica alla sua. E’ stata infine disastrosa la prestazione dei nuovi team, dalla Virgin alla Campos, alla Lotus, che hanno beccato quasi 9 secondi al giro dai migliori. IN PROSPETTIVA CAMPIONATO questa prima gara ha risposto ad alcuni interrogativi: le Ferrari sono la squadra che ha lavorato meglio durante l’inverno, anche grazie al fatto che hanno cominciato a lavorare sulla macchina 2010 già nel corso della stagione passata. Al livello delle Ferrari, per ora, c’è soltanto la Red Bull, velocissima con gomme morbide, veloce (ma non quanto la Ferrari) con gomme dure, ma ancora poco affidabile. Poi c’è la Mc Laren, che su questo circuito ha dimostrato di essere un po’ indietro, ma che ci sarà per lottare per il campionato. Una splendida conferma è arrivata da Felipe Massa, che, adesso possiamo dirlo con certezza, non ha subito alcun tipo di conseguenza permanente dal terribile incidente dell’anno scorso, e che darà filo da torcere al compagno Alonso per la conquista del mondiale piloti.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet