All’Estoril Lorenzo trionfa e riapre il Mondiale


ESTORIL (PORTOGALLO), 4 OTT 2009 – Una gara soporifera riconsegna a Jorge Lorenzo il sogno di vincere il titolo mondiale della MotoGP. Con una corsa perfetta, in testa dalla seconda curva alla bandiera a scacchi, il pilota spagnolo della Yamaha ha accorciato il suo svantaggio su Valentino Rossi a soli 18 punti: a tre gare dalla fine, il mondiale piloti è ancora apertissimo. Chiuso invece il discorso per il mondiale costruttori, stravinto dalla Yamaha. All’Estoril si è visto anche il ritorno di Casey Stoner, che per motivi di salute aveva saltato le ultime tre gare: il pilota australiano ha retto alla pressione e si è piazzato secondo. Sull’ultimo gradino del podio è salito invece Daniel Pedrosa, mentre quarto è arrivato Rossi, mai in gara e distaccatissimo a 24 secondi da Lorenzo.LA GARA riserva emozioni solo nel primo giro, quando Lorenzo scatta bene dalla pole, ma non abbastanza per resistere a Daniel Pedrosa, che con la sua solita partenza a scheggia si porta in testa. Dura poco però, perché alla curva successiva Lorenzo lo infila e scappa verso la vittoria finale. Pedrosa resiste in seconda posizione fino al terzo giro, quando Stoner lo sorpassa in staccata. Le posizioni si congelano così, perché i distacchi si fanno subito larghissimi, soprattutto per Rossi. Il pilota pesarese scivola già in partenza dalla seconda alla quarta posizione e conduce in porto una gara anonima, riuscendo comunque a totalizzare 12 punti importanti per il mondiale.ROSSI: "ALMENO NON SONO CADUTO DI NUOVO" – "Almeno stavolta non mi sono steso come a Indianapolis!" ha scherzato Valentino Rossi nel dopo-gara. "Abbiamo avuto problemi di grip sulla gomma posteriore per tutto il weekend e in gara è stato lo stesso. Pensavamo di avere lo stesso passo di Stoner e Pedrosa, ma anche loro ne avevano di più".Anche alle spalle dei "magnifici quattro" c’è stata poca bagarre. Da segnalare il ritiro di Loris Capirossi a 8 giri dal termine per un problema tecnico e la buona prova di Colin Edwards (4°) e Tony Elias, che, ancora senza moto per l’anno prossimo, si è piazzato 5°. Gli altri italiani: Dovizioso chiude 7°, Melandri 16°.COSI’ AL TRAGUARDO 1.Lorenzo (Yamaha) 2.Stoner (Ducati) 3. Pedrosa (Honda HRC) 4.Rossi (Yamaha) 5.Edwards (Yamaha clienti) 6.Elias (Honda clienti) 7.Dovizioso (Honda HRC) 8.Hayden (Ducati)LA CLASSIFICA MONDIALE 1.Rossi 249 punti; 2.Lorenzo 231; 3.Pedrosa 173; 4.Stoner 170.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet