All’aeroporto di Forlì doppio impianto di atterraggio strumentale


in collaborazione con Teleromagna26 GEN. 2009 – L’aeroporto “Ridolfi” di Forlì sarà uno dei pochi aeroporti in Italia ad essere dotato di due impianti di atterraggio strumentale di precisione. Sono infatti in dirittura d’arrivo – comunica la Seaf, società di gestione dello scalo – i lavori di installazione del sistema ILS (instrumental landing system) categoria II per l’atterraggio strumentale di precisione sull’aeroporto Ridolfi. L’impianto, meno sofisticato, di I categoria già esistente sarà aggiornato e continuerà ad essere utilizzabile in caso di necessità.Il nuovo ILS consentirà atterraggi e decolli in condizioni di bassa visibilità, vale a dire almeno 300 metri in orizzontale e con le nubi ad almeno 100 piedi (circa 30 metri) in verticale. L’impianto, che tecnicamente configurerà la pista dell’aeroporto come "pista per avvicinamenti di precisione, "categoria II", colloquia attraverso segnali radio con la strumentazione di bordo degli aeromobili "guidandoli" verso la pista sui sentieri elettronici di localizzazione e di planata per l’ atterraggio con incredibile precisione. Un insieme di luci di pista completamente rinnovato ed efficiente completa il sistema che, a seguito delle necessarie verifiche tecniche effettuate da Enav, anche tramite la propria flotta di aeromobili per le radiomisure, dovrebbe ottenere la certificazione ad operare entro la primavera prossima.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet