Al via la MotoGp, è già sfida Rossi-Stoner


10 APR.2009 – A poche ore dall’inizio del mondiale di motociclismo è un Valentino Rossi in versione amarcord quello che in conferenza stampa, sul circuito di Losail in Qatar, ha parlato della stagione MotoGp alle porte. "Sono emozionato come se fossimo nel 1996 (anno del suo esordio in 125, ndr). Quando non sentirò questa emozione, sarà il momento di andarmene a casa". Il campione del mondo 2008 non vede l’ora di testare il proprio livello in gara, secondo quanto riporta il sito ufficiale della MotoGP. "Vogliamo capire tutti il nostro livello in uno scenario vero – ha dichiarato Rossi – diverso da quello dei test. Non eravamo al 100% quando abbiamo provato qui il mese scorso, ma siamo migliorati da allora". Chi ben conosce la pista araba è il ducatista Casey Stoner, vincitore delle ultime due edizioni. Ma comunque vada a finire la prima sfida stagionale, i numeri spiegano bene perché Rossi e Stoner si dividono i favori del pronostico. Da quando la classe regina è stata portata ad 800 di cilindrata, all’inizio del 2007, si sono divisi l’80% delle vittorie. Insieme hanno primeggiato in 29 delle 36 corse disputate: 10-4 per Stoner il primo anno; 9-6 per Rossi il secondo. Agli altri le briciole: quattro successi per Dani Pedrosa; uno a testa per Chris Vermeulen, Jorge Lorenzo e Loris Capirossi. Una supremazia che però non fa dormire sonni tranquilli all’australiano: "Ci sono almeno i primi sei dello scorso anno e qualcun altro in grado di vincere. Io mi sento come nel 2007, quando nessuno si aspettava niente da me ed ho vinto la prima gara e poi il campionato. La moto nuova va molto bene, non ha mai dimostrato particolari problemi tecnici, e credo che potremo essere competitivi fin dall’inizio". Al via, con il nuovo team ufficiale della Repsol Honda, ci sarà anche Andrea Dovizioso, uno dei cinque piloti italiani nella classe regina, la nazionalità più rappresentata: "Lo scorso anno è stato molto buono, e ora qui abbiamo alcuni dati per la nuova moto. Continueremo a lavorare" ha promesso. Inoltre, il Circus della MotoGP ritrova quest’anno una sua vecchia conoscenza: Sete Gibernau, che sembra intenzionato a lasciarsi alle spalle gli antichi dissapori con Rossi. "Ho passato grandi momenti con lui – ha ammesso lo spagnolo – anche fuori dalla pista e sono orgoglioso di essere tornato". Pronta la replica del ‘Dottore’ che ha salutato così l’ex rivale: "Spero di vederlo davanti, ma non davanti a me".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet