Al suo 22° mondiale, Capirossi ritrova la Ducati


9 FEB. 2011 – Nel 2006, sul circuito del Montmelò a Barcellona, fu il primo a vincere un Gran Premio con la Ducati battendo Valentino Rossi. E il mese prossimo, dopo un’esperienza non proprio esaltante di due anni in Suzuki, Loris Capirossi tornerà in sella ad una monoposto di Borgo Panigale, con i colori del team satellite Pramac. Per l’ennesima volta, il tre volte iridato – in 125 nel 1990 e nel 1991, in 250 nel 1998 – sarà il veterano del mondiale. Ma quest’anno, al ricostituito connubio italiano si aggiunge anche l’accoppiata con il Dottore, suo nuovo cugino professionale. Accanto a Capirossi ci sarà anche il francese Randy De Puniet, ma quello che ci si aspetta dalla coppia Loris-Ducati è il ritirno a posizioni di vertice, soprattutto dopo le due stagioni poco premianti passate in Suzuki. "Ce la metterò tutta, ma non sarà facile – ha detto Capirossi nel corso della presentazione del team a Genova – la concorrenza è molto elevata. Sulla GP11 c’è molto da lavorare ma c’è il vantaggio che con Valentino Rossi nel team ufficiale lo sviluppo sarà rapidissimo ed imponente". L’aiuto di Rossi è molto atteso in casa Ducati, per rendere la Desmosedici una moto guidabile dalla maggior parte dei piloti, anche dai clienti che in questa stagione sono 4, con 2 unità alla Pramac, una al team Aspar e una al team AB Cardion. "Tra qualche giorno – ha detto ancora Capirossi – torneremo in pista, ancora più in forma, per la seconda sessione di test a Sepang. Dobbiamo migliorare sotto alcuni aspetti. Per esempio, ho trovato qualche difficoltà in frenata e nel percorrere i lunghi curvoni. Ma già il fatto di aver migliorato i nostri tempi significa che siamo sulla strada giusta".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet