Agroalimentare e ricerca, Modena si lancia verso il futuro


MODENA, 9 SET 2009 – Innovazione tecnologica e collaborazione internazionale: è questa la ricetta di Modena per aiutare le imprese agroalimentari del suo territorio. In questa direzione è stato lanciato il progetto di ricerca ‘Tech.Food’, cofinanziato dall’Unione europea, che coinvolge sette regioni dell’Europa sud-orientale. Promotore del progetto denominato è la Provincia di Modena, che domani ospiterà la prima riunione operativa con i partner romeni, ungheresi, bulgari, greci, croati e serbi.Il progetto ‘Tech.Food’ – che ha durata triennale e un budget di due milioni e 500 mila euro – si pone l’obiettivo di definire strategie comuni, strumenti e opportunità per supportare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione delle imprese alimentari, promuovendo la cooperazione tra gli organismi di ricerca, le istituzioni e le imprese di diversi Paesi europei al fine di sostenere e migliorare la competitività delle imprese agroalimentari. Partner dell’iniziativa sono – oltre alla Provincia di Modena, che è capofila – Aster Emilia Romagna; l’ Accademia degli studi economici di Bucarest e il ministero bulgaro dell’Agricoltura e dello Sviluppo rurale; l’Istituto Ungherese di ricerca sulle carni e l’Università Corvinus di Budapest; la Regione di Stara Zagora e l’Università di Travia, in Bulgaria; la Fondazione nazionale greca per la ricerca e la Camera di commercio e dell’industria di Atene; l’Agenzia per lo sviluppo rurale dell’Istria (Croazia) e l’Istituto per le Economie agricole di Belgrado (Serbia)."Modena ha un distretto agroalimentare di primaria importanza – osserva il presidente della Provincia, Emilio Sabattini – e la sinergia che si è riusciti a creare negli anni scorsi tra istituzioni, centri di ricerca e imprese potrà ricevere da questo progetto un grande impulso". Il progetto parte da un’analisi per evidenziare i bisogni di innovazione e le potenzialità per le piccole e medie imprese agroalimentari locali, per arrivare poi all’applicazione di un "pacchetto per l’innovazione" rivolto alle aziende e ai centri di ricerca.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet