Aggregazioni di imprese, oltre 3 milioni dalla Regione


BOLOGNA, 10 OTT. 2011 – La Regione Emilia-Romagna ha stanziato 3 milioni e 130 mila euro a sostegno di 24 progetti di aggregazioni di imprese, che coinvolgono complessivamente 210 imprese. Si tratta di un contributo pari al 46% del valore complessivo di queste operazioni – che ammonta 6 milioni 710 mila euro – e aiuterà le imprese a diventare ancora più competitive. In particolare sui mercati, oggi in grande espansione, dei cosiddetti paesi Bricst, Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica, Turchia. Diciassette dei 24 progetti ammessi a contributo, infatti, si rivolgono specificamente a uno di questi paesi, mentre i rimanenti 7 sono dedicati ad altri mercati esteri.La maggior parte dei progetti ha interessato il settore della meccanica in vari dei suoi sub-settori (45,2%), seguito dal macro-settore dell’abitare/costruire (25,8%), abbigliamento (12,9%), alimentare (9,7%), energia (3,2%) ed informatica (3,2%). Le 210 imprese coinvolte nelle Ati sono così suddivise: in modo sostanzialmente proporzionale al peso in termini di export del relativo territorio provinciale: Reggio Emilia 22%, Bologna 21%, Modena 18%, Parma 11%, Ravenna 10%, Forlì-Cesena 8%, Piacenza 5%, Rimini 4% e Ferrara 3%.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet