Ad Aguna immediata tutela del balsamico Igp


Arriva dall’Anuga di Colonia la notizia di una nuova azione di tutela a favore dell’Aceto Balsamico di Modena IGP a seguito di un importante provvedimento del Tribunale di Colonia. Il tutto ha inizio sabato mattina all’apertura della fiera quanto un operatore del Consorzio di Tutela individua all’interno di uno stand della nota fiera alimentare tedesca un condimento prodotto in Turchia e pubblicizzato con la denominazione ACETO BALZAMICO. Dopo aver inutilmente diffidato l’azienda coinvolta, nella giornata di lunedì il Consorzio deposita un ricorso cautelare presso il Tribunale di Colonia. Con una tempistica ancora una volta degna di nota, il giorno successivo martedì 13, i giudici tedeschi adottano il provvedimento d’urgenza a tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP e, questa mattina alle 9.30, gli ufficiali giudiziari si recano in fiera per eseguire lo stesso provvedimento che impone, oltre all’inibitoria del nome, il ritiro e distruzione del prodotto irregolare. Parole di soddisfazione sono state espresse in merito dal Direttore del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP, Federico Desimoni: “un‘altra importante ed autorevole conferma dei diritti del Consorzio a tutela il nome “Balsamico” utilizzato in modo evocativo che viene a consolidare ulteriormente la nostra posizione giuridica; a questo punto ci auguriamo di trovare maggior disponibilità nei vari operatori commerciali per evitare ulteriori scontri ed aprire una nuova fase di collaborazione costruttiva”. È certamente significativo questo susseguirsi, a distanza di poche settimane, di due provvedimenti giudiziali tedeschi a tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP. Come si ricorderà è recente la notizia della prima storica sentenza adottata dal tribunale di Mannheim lo scorso 15 settembre, che ha fornito alcuni fondamentali principi giuridici sulla dibattuta questione. In particolare è stato affermato che: il Regolamento di registrazione dell’IGP ABM non limita in alcun modo, né avrebbe potuto limitare, l’ambito di tutela della denominazione registrata, specificando poi che l’uso delle singole parti della denominazione deve sempre avvenire nel rispetto delle norme applicabili nell’ordinamento giuridico dell’Unione europea, in primo luogo del Regolamento (UE) n. 1151/12; le espressioni Aceto Balsamico e Balsamico non possono essere considerate generiche; l’utilizzo del termine Balsamico per prodotti comparabili con l’IGP può costituire un’evocazione della stessa e quindi rappresentare una pratica commerciale in violazione del Regolamento succitato.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet