Acqua, 40 “cattedrali” per la Settimana della Bonifica


BOLOGNA, 6 MAG. 2009 – Riaprono in regione le "cattedrali dell’acqua" per la nona edizione della Settimana della Bonifica, che si terrà dal 9 al 17 maggio. Quaranta impianti aperti – dighe, opereidrauliche, opere irrigue, invasi collinari, casse di espansione – per permettere a cittadini e scolaresche di toccare con mano un sistema tra i più efficienti e organizzati del Paese, che nella scorsa stagione ha distribuito oltre un miliardo di metri cubi d’acqua per usi agricoli ma anche civili e industriali. Un sistema che, puntando sull’innovazione e sull’uso razionale della risorsa, ogni anno riesce a risparmiare milioni di metri cubi di acqua. Ma anche un sistema che tutela il territorio da alluvioni ed esondazioni grazie ad una rete capillare di canali e impianti idrovori di sollevamento. Non a caso quest’anno il tema della Settimana della bonifica è "Dalla siccità alle alluvioni: che fare?". Anche quest’anno un’attenzione particolare sarà dedicata alle scuole e al rapporto coi giovani. Il 13 maggio al museo della Bonifica sito nel grande impianto di Saiarino ad Argenta, in provincia di Ferrara, saranno premiate le scolaresche vincitrici del concorso a premi bandito da Urber in collaborazione coi Consorzi regionali sul tema "Lavorare l’acqua dà valore alla terra e alla citta", cui hanno partecipato sessanta scuole elementari e medie dell’intera regione, da Piacenza a Rimini, per un totale di circa 1500 ragazzi. "La risposta delle scuole e dei giovani studenti – dice il presidente Urber, Emilio Bertolini – è per noi motivo di grande soddisfazione e ci sprona a continuare sulla strada della sensibilizzazione dei giovani su un tema di importanza capitale per il futuro della nostra società: la consapevolezza che l’acqua non è un bene infinito, che tutti si devono impegnare nelle buone pratiche di risparmio e di uso razionale".Fra le strutture più spettacolari che apriranno i battenti sul Po ci sono gli impianti del Palantone a Salvatonica di Bondeno, dove prende origine il Canale Emiliano Romagnolo, le Pilastresi a Stellata di Bondeno, Boretto nel Reggiano. Nell’area del Delta apriranno, a cura dei Consorzi ferraresi, gli impianti Sammartina, Codigoro, Marozzo e Bando. Inoltre, sarà possibile visitare le due dighe del Piacentino: Molato e Mignano. Aperte e visitabili anche tante opere irrigue come gli Impianti Santerno-Senio 1 e 2 a Lugo e Solarolo nel Ravennate, così come tanti invasi collinari nell’Appennino bolognese, ravennate e forlivese. Il Canale Emiliano Romagnolo aprirà, oltre agli impianti del Palantone, Savio e Pieve di Cento, anche il campo-mostra delle attrezzature irrigue presso l’Azienda Idice a Riccardina di Budrio. Sabato 9 maggio inaugurazione a Pievesestina di Cesena dei nuovi impianti di adduzione e distribuzione delle acque del CER per l’area Bevano-Savio. A Reggio due mostre fotografiche: una dell’artista tedesco Schulte-Bunert "Fondo vivo" e l’altra con immagini dal concorso indetto dai due Consorzi reggiani. Vasta la scelta anche degli itinerari a contatto con la natura, casse di espansione e zone umide da visitare: dalla cassa di Alfonsine nel Ravennate a quella del Dosolo nel Bolognese a quella del Cavo Tresinaro a Rio Saliceto nel Reggiano. E non finisce qui. A Cesena, il Consorzio Savio-Rubicone col Tarta Club inaugurerà un impianto di recupero di tartarughe e all’interno della pineta di Classe si potrà visitare l’impianto della Bevanella e osservare l’avifauna del Parco del Delta. All’impianto Pilastresi verranno organizzate lezioni di yoga, mentre lungo la centuriazione cesenate sono in programma delle passeggiate notturne "tra papaveri e lucciole" seguendo il tracciato del Canale Emiliano Romagnolo. Tantissime poi le iniziative artistico-culturali e di carattere ludico-sportivo: biciclettate, corse campestri, gare di pesca sportiva, escursioni cicloturistiche. 

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet