Aceto balsamico, la semifinale


Sarà la Rocca di Spilamberto a ospitare le fasi finali del Palio di San Giovanni. E’ un evento storico: domani per la prima volta dopo 20 anni i campioni di Balsamico Tradizionale consegnati dalle famiglie modenesi alla Consorteria lasceranno le sale di Villa Fabriani, sede dell’associazione dall’inizio degli anni ’90. Qui per tutto il mese di maggio i 1.500 campioni raccoli – 1.470 per la precisione, un record – sono stati sottoposti a una prima scrematura grazie al lavoro ininterrotto dei Maestri Assaggiatori, Assaggiatori e Allievi della Consorteria. Ora, da domani, mercoledì 4 giugno, sarà la Rocca di Spilamberto a fare da cornice agli assaggi finali che individueranno i 72 semifinalisti prima e dei 12 finalisti (più tre riserve) in seguito. La sala dedicata al Laboratorio dimostrativo del Museo dell’Aceto Balsamico tradizionale di Modena ospiterà gli assaggi: questo spazio, inaugurato nell’ottobre scorso, è stato ricavato nel locale seminterrato dell’ala nord della Rocca Rangoni, dove i recenti restauri hanno permesso di recuperare alcuni degli ambienti più antichi e suggestivi dell’intero palazzo nobiliare, oltre alla facciata nord del palazzo che si affaccia sulla Corte. Nel laboratorio verrà effettuato l’esame visivo, olfattivo e gustativo del principe dei prodotti modenesi; qui gli appassionati di Aceto Balsamico tradizionale di Modena potranno assistere al rito dell’assaggio in un ambiente confortevole, con i giusti tempi e con gli strumenti appropriati. La graduatoria ufficiale, ma ancora segreta, dei migliori 12 Balsamici Tradizionali viene stabilita da sei Maestri Assaggiatori il primo giorno della fiera di San Giovanni (venerdì 20 giugno). I nomi dei vincitori, però, sono resi pubblici solo il giorno del Palio di San Giovanni, domenica 22 giugno a partire dalle 18.30 presso Rocca Rangoni di Spilamberto.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet