Aceto Balsamico, progetti in vista dell’Expo 2015


Quello che verrà sarà un vero e proprio biennio di fuoco per l’aceto balsamico tradizionale di Modena. Perché nel 2016 si celebrerà il mezzo secolo di vita della Consorteria, ovvero mezzo secolo di conoscenza a livello mondiale di questo prodotto, mentre, ancor prima, è prevista la grande ribalta dell’Expo milanese. La provincia di Modena ed il suo capoluogo si candidano a divenire indiscussi protagonisti dell’evento, proprio grazie anche al balsamico, prodotto di punta della nostra economia perché indissolubilmente legato a questo territorio. Per valorizzare a 360 gradi questo prodotto simbolo del legame tra la nostra storia e la capacità imprenditoriale delle nostre zone, la Consorteria di Spilamberto ha improntato il cammino, con il Museo sempre aperto, diverse opportunità di conoscenza, l’inaugurazione dell’acetaia dell’Accademia militare ed un punto informativo nel cuore della città di Modena. Ma per arrivare preparati ai due importanti appuntamenti, la Consorteria sta lavorando a 7 importanti progetti, che permetteranno di valorizzare il balsamico sotto i profili della promozione, del design, passando dall’arte e fino a coinvolgere lo sport.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet