Aceto Balsamico Modena, 98 mln litri in 2017 (+3%)


Sfiora i 98 milioni di litri la produzione totale di Aceto Balsamico di Modena Igp nel 2017, +3%
rispetto all’anno precedente, mentre il valore al consumo nel 2016 è stato di 970 milioni di euro. Sono alcuni dei dati contenuti nel Qualivita-Ismea 2017, nel tracciare le tante storie di successo delle principali denominazioni agroalimentari italiane. Le regioni che impattano maggiormente per numero di Denominazioni e valore, ricorda il Rapporto, sono per il Food l’Emilia Romagna con 43 Dop e Igp, per un valore di 2.751 milioni di euro e la Lombardia con 34 prodotti a Denominazione, mentre per il Wine guida la classifica il Piemonte con 59 Denominazioni seguito dalla Toscana con 58. Vola anche l’export dell’Aceto Balsamico di Modena Igp che negli ultimi 10 anni ha messo a segno un incremento del 143%. A questo proposito il Consorzio di Tutela fa sapere che proseguono le attività di contrasto all’illegalità e alla frode da Italian Sounding, soprattutto in quei Paesi dove non è giuridicamente prevista una protezione della Denominazione. ”Il Consorzio – ha detto il direttore Federico Desimoni – nasce per tutelare il consumatore a tutti i livelli e la normativa europea già ci aiuta molto in questo, ma è oltre i
confini dell’Ue che questo diventa difficile, per questo motivo siamo favorevoli alla sigla di trattati bilaterali che possano garantire una tutela reciproca, come quelli recentemente
conclusi con il Canada o con il Giappone”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet