Accordo alla Ferrari, marcia indietro sugli esuberi


MARANELLO (MO), 19 MAG. 2010 – Premio di produttività in arrivo, ma soprattutto svincolato dal nodo esuberi. E’ il risultato dell’intesa siglata all’alba di oggi presso la sede di Confindustra Carpi tra Ferrari Auto e sindacati. Il cavallino riconoscerà ai lavoratori un premio di produttività di 1200 euro a maggio in busta paga, 400 euro in meno di quanto chiedevano le sigle sindacali che comunque si sono dichiarate soddisfatte. Soprattutto perché i tagli per gli esuberi sono stati scongiurati e l’azienda ha dato la disponibilità a lavorare a un’ipotesi di accordo sul contratto scaduto il 31 dicembre 2008.La trattativa ha rischiato più volte di arenarsi ma alla fine si è riusciti ad arrivare ad un compromesso, un accordo quadro tale per cui "a fronte di eventuali processi di esternalizzazione previsti nel 2010-11", spiegano Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil di Modena -, questi potranno coinvolgere esclusivamente attività di servizio che nulla hanno a che vedere con l’attività caratteristica dell’impresa (core business). Fra le attività caratteristiche sono state espressamente elencate nell’accordo e restano tali: produzione, progettazione, sviluppo, commercializzazione".Sono stati previsti inoltre percorsi di mobilità volontaria rivolti, in via prioritaria, al personale che ha i requisiti per l’accompagnamento alla pensione. In successivi incontri specifici sarà definita l’entità economica dell’incentivo, e le garanzie per i lavoratori a fronte di modifiche dell’attuale sistema previdenziale. E’ stato definito un percorso graduale per la stabilizzazione dei circa 80 lavoratori precari, somministrati e tempi determinati, da qui all’inizio del 2011. In merito alle richieste di flessibilità avanzate dall’azienda, si sono ribaditi gli strumenti già previsti nel contratto aziendale.Mercoledì 26 maggio si svolgeranno le assemblee fra i lavoratori nei due stabilimenti Ferrari di Maranello e Modena per illustrare e mettere in approvazione l’ipotesi di accordo raggiunta.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet