Accoltellò un sacerdote, ma non sarà processata


in collaborazione con Teleromagna3 MAR. 2009 – Non processabile per tentato omicidio, in quanto incapace d’intendere e volere. Clara Pazzaglini, la 28enne riminese che lo scorso novembre a Cattolica pugnalò con un coltello a serramanico don Serafino Pasquini, il sacerdote 73enne della chiesa di San Benedetto, procurandogli lievi ferite guaribili in sette giorni, non comparirà di fronte ai giudici. Lunedì, in un’aula del tribunale di Rimini, si è svolto l’incidente probatorio durante il quale si è discussa la perizia dei medici che hanno evidenziato come la giovane fosse incapace di intendere e volere al momento del sanguinoso episodio. Quella sera di fine novembre la donna aveva suonato all’abitazione di don Pasquini. Non appena quest’ultimo aprì la porta, la 28enne lo ha colpito con una coltellata all’altezza dello sterno. Il sacerdote riuscì fortunatamente ad allontanare la ragazza che ha tentato di colpirlo nuovamente, rinchiudendo la porta.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet